Protesta nel 118, la Fials Sicilia pronta a scendere in piazza - QdS

Protesta nel 118, la Fials Sicilia pronta a scendere in piazza

web-la

Protesta nel 118, la Fials Sicilia pronta a scendere in piazza

web-la |
lunedì 01 Agosto 2022 - 13:24

Stipendi di luglio in ritardo, turni di lavoro massacranti, persino addebiti in busta paga per danni ai mezzi aziendali. Sono alcune delle criticità evidenziate dalla Fials 118 Sicilia che chiedono un’audizione in commissione Salute all’Ars e si dicono pronti a scendere in piazza per una situazione diventata insostenibile.

“Quanto accade in questi giorni al personale autista soccorritore Seus – scrive il coordinamento regionale Fials 118 – sta incrementando esponenzialmente il carico di stress psicofisico, giunto già a livelli insostenibili. Da eroi a bastonati, questo sta accadendo ai lavoratori del 118 in Sicilia. Ci sentiamo abbandonati soprattutto dalla classe politica dirigente regionale, che fa orecchie da mercante alle reiterate richieste di audizione volte a chiedere migliori condizioni lavorative e tutto ciò che spetterebbe a questi lavoratori”.

Tra le criticità riscontrate ci sono “il ritardo del pagamento della retribuzione relativa al mese di luglio, comprensiva di incentivi e rimborsi Irpef, la contrattazione decentrata interrotta, in cui sono in ballo i nuovi istituti previsti dal recente rinnovo del contratto collettivo e quelli inseriti all’interno della stessa contrattazione come i buoni pasto, i livelli di fascia, la pronta disponibilità, che doveva portare alla stipula del contratto integrativo aziendale”.

E ancora, la Fials ricorda “il mancato rinnovo del contratto di servizio scaduto il 31 dicembre scorso, con proroghe temporanee in vista del rinnovo per il prossimo triennio e il nuovo orario di lavoro con turni da 12 ore e sequenze lavorative massacranti, con la mancata assegnazione di riposi, ferie e altri permessi, senza preavvisi, né spiegazioni, unitamente alle proibitive condizioni di lavoro dovute alle alte temperature del periodo estivo, alla ripresa dei casi da infezione da covid e alla riduzione dell’organico per via delle ferie”.

La Fials segnala “una palese carenza di personale, soprattutto nella Sicilia orientale, che aumenta il grado di stress psicofisico di tutto il personale e continui e illegittimi addebiti in busta paga per danni ai mezzi aziendali, in palese violazione delle normative vigenti che regolamentano tali diatribe. A tutto questo – prosegue la Fials – si aggiunge una ulteriore incombenza a carico delle postazioni medicalizzate con infermiere, che anche in caso di assenza di personale sono obbligate a proseguire il servizio con equipaggio ridotto a due elementi, nonostante le normative e decreti vigenti impongano una composizione minima di tre”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684