Prove equipollenti da specificare nel Pei - QdS

Prove equipollenti da specificare nel Pei

Lucia Russo

Prove equipollenti da specificare nel Pei

mercoledì 20 Novembre 2019 - 00:00
Prove equipollenti da specificare nel Pei

In questo mese le scuole sono impegnate nella redazione del Pei, Piano educativo individualizzato

In questo mese le scuole sono impegnate nella redazione del Pei, Piano educativo individualizzato, ovvero la progettazione didattica per l’anno scolastico 2019/20 appositamente personalizzata per gli alunni con disabilità certificata e secondo il loro Profilo di funzionamento (art. 7 Dlgs 66/17).
Si tratta di un documento molto importante perché in esso si definiscono le potenzialità che si intendono sviluppare nell’alunno.

Particolarmente delicato è il momento in cui alle superiori si deve decidere se l’alunno è in grado di sostenere il percorso di tutta la classe, che lo porterà all’esame di Maturità, oppure no, ossia che gli farà ottenere solo un attestato di frequenza. Tecnicamente occorre decidere se redigere un “Pei curriculare” oppure un “Pei differenziato”. Se si sceglie di seguire per l’alunno lo stesso percorso curriculare di tutta la classe, si può, però, ricorrere alle c.d. prove equipollenti, che accompagneranno l’alunno in tutte le fasi di verifica fino alla Maturità.

Cosa si intende per prove equipollenti? Per lo scritto possono essere prove tradotte con linguaggio Braille o trasmesse in formato audio, prove svolte con mezzi diversi, per esempio con il tablet o con la dettatura ad alta voce dell’alunno all’insegnante di sostegno che scrive al suo posto, o anche prove in formato diverso, come il tema trasformato in domande aperte e/o chiuse. Per l’orale la prova equipollente può essere lo scritto con valenza di orale o l’utilizzo di strumenti compensativi come mappe concettuali o sintesi. É necessario che nella relazione di presentazione all’esame di Maturità, da allegare al Documento del 15 maggio che si redige per le quinte classi, sia specificato per quale tipo di prova (se la prima, la seconda o il colloquio orale o se per tutte e tre le prove) è richiesta l’equipollenza e quale tipo di prova equipollente è richiesta.

Twitter: @LRussoQdS

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684