Putin riconosce il Donbass, cosa significa, le conseguenze - QdS

Putin riconosce il Donbass, cosa significa, le conseguenze

web-mp

Putin riconosce il Donbass, cosa significa, le conseguenze

web-mp |
lunedì 21 Febbraio 2022 - 21:15

L'annuncio potrebbe rappresentare una sorte di ultimatum alla Nato. Biden: "Stop agli investimenti nel Donbass". Di Maio: "L'Italia condanna la decisione di Putin"

Putin parla alla nazione e annuncia il riconoscimento del Donbass. Un gesto che rappresenta una escalation della crisi ucraina.

Il presidente russo ha deciso di riconoscere immediatamente l’indipendenza delle repubbliche separatiste ucraine di Lugansk e Dontesk e lo ha fatto firmando al Cremlino, in diretta tv, il riconoscimento con i leader delle due entità del Donbass.

Il discorso di Putin

“Se c’è un’annessione, se c’è un riconoscimento, ci sono le sanzioni, tenendo presente della procedura” necessaria. “Io presenterò un pacchetto di misure, che vanno approvate dal Consiglio Affari Esteri Ue all’unanimità”, ha detto l’Alto Rappresentante per la Politica Estera Ue Josep Borrell. “L’Ucraina non è un Paese confinante, è parte integrante della nostra storia e cultura”, ha detto il presidente russo Vladimir Putin, in un discorso alla nazione in diretta tv.

“La situazione in Donbass è diventata critica”, ha detto ancora. “Minacce permanenti sono arrivate dalle autorità ucraine per quanto riguarda l’energia – ha detto Putin -. Continuavano a ricattarci sulle forniture energetiche e sono questi gli strumenti che hanno utilizzato nelle trattive con l’occidente”.

“L’Ucraina ha sempre rifiutato di riconoscere i legami storici con la Russia e non c’è da meravigliarsi quindi per quest’ondata di nazismo e nazionalismo” in questo Paese. Poi ancora: “L’Ucraina ha già perso la sua sovranità”, diventando serva “dei padroni occidentali”, ha aggiunto Putin.

Ucraina, Di Maio, “Ostacolo a soluzione diplomatica

“La decisione delle autorità russe di riconoscere le cosiddette Repubbliche separatiste di Lughansk e Donetsk è da condannare in quanto contraria agli accordi di Minsk e costituisce un grave ostacolo nella ricerca di una soluzione diplomatica. L’Italia continua a sostenere l’integrità e la piena sovranità dell’Ucraina nei suoi confini internazionalmente riconosciuti”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684