Raffaele Lombardo e l'autonomia giurisdizionale - QdS

Raffaele Lombardo e l’autonomia giurisdizionale

web-la

Raffaele Lombardo e l’autonomia giurisdizionale

web-la |
venerdì 07 Gennaio 2022 - 17:49

A quanto pare una forma d’autonomia è rimasta alla Sicilia. Quella giurisdizionale, Raffaele Lombardo assolto dalla Corte di Appello di Catania perché il fatto non sussiste

A quanto pare una forma d’autonomia è rimasta alla Sicilia. Quella giurisdizionale, Raffaele Lombardo assolto dalla Corte di Appello di Catania perché il fatto non sussiste.

Nonostante la Cassazione avesse rimandato alla Corte catanese per riformulare l’assoluzione già comminata, la stessa non ha trovato nel nuovo processo ulteriori elementi per condannare l’ex Presidente della Regione per i reati di voto di scambio e concorso esterno con la mafia. Non vogliamo entrare in una disquisizione su fatti giudiziari.

La sentenza non è definitiva, ci vorrà un nuovo passaggio in Cassazione, ma sicuramente è determinante per i prossimi appuntamenti politici in cui la Sicilia è coinvolta, in particolare le Regionali e le successive elezioni politiche.

Perché indipendentemente dalla conta dei voti che l’Mpa, il movimento fondato da Lombardo, detiene, il peso politico di Lombardo tra gli addetti ai lavori, la sua capacità di manovra, l’influenza che ha su alcuni importanti soggetti della politica siciliana è dirimente le sfide e le alleanze, soprattutto nel centrodestra ma anche nel campo opposto.

A parte, forse, Claudio Fava non c’è politico, commentatore, giornalista siciliano che non parli con Raffaele da Grammichele. Figuriamoci ora che ha l’etichetta dell’assolto.

Lui conoscendolo non farà proclami urbi et orbi, continuerà sul modello agreste alla Cincinnato, ma la sua capacità di movimento, di interlocuzione, di propulsione politica triplicherà. Nessuno in Sicilia produce una tale mole di lavorìo politico. Ore di segreteria affollata, innumerevoli incontri a quattr’occhi, la sua specialità, dove l’ospite esce fuori che non sa se ha capito tutto o non ha capito nulla. O entrambe le cose.

Lui è Uno e Trino in campagna elettorale, può generare scenari plurali sia di coalizione che di singole alleanze. Può stare nel centrodestra, ma anche nel centrosinistra. Può essere federato a Salvini e magari votare la Chinnici, se il candidato del centrodestra non è quello che vuole lui. La capacità di strategia multistrato di Lombardo è mefistofelica. Andreotti si sarebbe confuso con Raffaele.

Omicron è, come ben sappiamo, molto contagiosa, ma mai quanto la variante Lombardo.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684