Ragusa, rifiuti pericolosi nelle strade extraurbane - QdS

Ragusa, rifiuti pericolosi nelle strade extraurbane

redazione

Ragusa, rifiuti pericolosi nelle strade extraurbane

mercoledì 03 Giugno 2020 - 00:00
Ragusa, rifiuti pericolosi nelle strade extraurbane

Un impegno straordinario del Libero consorzio comunale per ripulire il territorio entro il mese. Il commissario Piazza: “Uno sprone agli enti per una più incisiva tutela ambientale”

RAGUSA – Le due ditte incaricate hanno iniziato i lavori di raccolta, carico e trasporto di rifiuti non pericolosi e pericolosi abbandonati nel territorio provinciale e nelle strade extraurbane comunali della provincia iblea nonché il servizio di rimozione dei rifiuti pericolosi contenenti amianto.

Un impegno straordinario dell’Ente per venire incontro alle istanze dei Comuni e per ‘ripulire’ il territorio dai rifiuti pericolosi che soprattutto nelle aree del parco di Serra San Bartolo e nella foce del fiume Dirillo sono motivi di preoccupante allarmismo e di degrado ambientale.

Come si ricorderà per queste due gare d’appalto il Libero Consorzio Comunale di Ragusa ha impegnato per il primo servizio 160 mila euro e per il secondo 90 mila euro. La prima gara relativa alla raccolta, carico e trasporto dei rifiuti pericolosi e non pericolosi è stata aggiudicata alla ditta Ecogest di Melilli per un importo di 138 mila e 392 euro, mentre, quella riguardante la rimozione dell’amianto è stata aggiudicata alla ditta Mc Service di Caltagirone per un importo di 80 mila e 356 euro.

Le due ditte sono già al lavoro ed entro il mese dovrebbero completare i lavori di raccolta e trasporto dei rifiuti pericolosi e soprattutto procedere alla rimozione dell’amianto in molte strade extracomunali del territorio provinciale. Si tratta di interenti che consentiranno di dare risposte alle legittime istanze dei cittadini e dei turisti che auspicano un territorio pulito che mette in risalto la bellezza del paesaggio e del suo notevole patrimonio architettonico già riconosciuto dall’Unesco come bene dell’Umanità.

“Un aiuto – dice il Commissario Piazza – finalizzato ad essere, nel rispetto del principio di sussidiarietà istituzionale, un ausilio non solo economico a tutti i Comuni, ma anche utile a spronare gli enti ad una maggiore e più incisiva tutela e salvaguardia ambientale delle strade di rispettiva pertinenza”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684