Reddito di cittadinanza, il lato oscuro del sussidio: 1430 € al mese “a lavoro zero” - QdS

Reddito di cittadinanza, il lato oscuro del sussidio: 1430 € al mese “a lavoro zero”

Michele Giuliano

Reddito di cittadinanza, il lato oscuro del sussidio: 1430 € al mese “a lavoro zero”

mercoledì 21 Settembre 2022 - 06:00

La misura bandiera del M5s doveva restituire dignità e futuro a chi è senza prospettive: qualcosa non ha funzionato. Ecco quanto possono arrivare a percepire 2 genitori e un figlio a carico ciascuno

Quello che doveva essere lo strumento per superare i perversi e deleteri meccanismi di quell’assistenzialismo clientelare tanto caro alla vecchia politica ha rivelato purtroppo il suo lato oscuro.
È così che il Reddito di cittadinanza, pensato e presentato dai sostenitori del M5s come quella misura “rivoluzionaria” che avrebbe permesso a chiunque si trovasse in difficoltà di superarle, fruendo, per il tempo necessario a trovare un lavoro, di un sostegno economico, si è trasformato in un rifugio per tanti, forse troppi. Un “rifugio” che poco ha a che fare con il recupero della dignità e di un “posto” all’interno della società e del mondo del lavoro.

Le “distorsioni” create dal Reddito di cittadinanza, nato con le migliori intenzioni, non hanno prodotto solo frodi (di cui leggiamo quotidianamente sui giornali) ma anche una vera e propria “cultura del sussidio”, fatta propria da chi si è arreso al sommerso e allo sfruttamento giacché considera ormai il reinserimento nel mondo del lavoro come una chimera.

Entriamo subito nel merito. Grazie ad una simulazione effettuata per il QdS dal Caf Cgil di San Giovanni La Punta (Ct) abbiamo potuto appurare che con il Reddito di cittadinanza si possono raggiungere cifre ingenti che spingono intere famiglie a desistere dal cercare lavoro.

Un esempio è dato dal calcolo delle possibili entrate di cui potrebbe beneficiare una famiglia composta da 4 persone: i due genitori… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684