Riapertura discoteche in Sicilia, ecco chi è tornato a ballare - QdS

Riapertura discoteche in Sicilia, ecco chi è tornato a ballare

web-dr

Riapertura discoteche in Sicilia, ecco chi è tornato a ballare

web-dr |
martedì 19 Ottobre 2021 - 18:30

Tutta la categoria resta d'accordo sull'impossibilità di realizzare utili da una capienza al chiuso ferma al 50 per cento, ma è stato più forte il desiderio di tornare ad aprire

L’emozione impagabile del ritorno in discoteca dopo due anni è ancora negli occhi di quanti sono tornati in pista lo scorso week-end, ma è ancora più avvertita tra gli organizzatori e i proprietari tornati al lavoro con i propri staff.

Tutta la categoria resta d’accordo sull’impossibilità di
realizzare utili da una capienza al chiuso ferma al 50 per cento, ma è stato
più forte il desiderio di tornare ad aprire, sperando in un aumento delle
percentuali nelle prossime settimane.

Discoteche, allargare la capienza al 75%

“La ripartenza era necessaria – ha spiegato il presidente Silb Trapani e gestore Mario Bornice – sì alla ripartenza subito e so che il presidente Nazionale Silb ha chiesto al Ministro dello Sviluppo Economico di allargare, già ora, la capienza al 75 per cento. La speranza è tornare alla normalità nelle settimane che avremo di fronte.

Mario Bornice

Le discoteche devono ripartire con urgenza e noi dobbiamo
fare il nostro meglio. Stiamo parlando di un’attività svolta in un posto
controllato, che tra Green Pass e tracciamento ha davvero la possibilità di
ricominciare subito”.

Fabric a Palermo, emozionante riapertura

Il Fabric ha riaperto a Palermo dopo oltre 20 mesi di stop, organizzare ha richiesto manutenzione ordinaria e straordinaria su un locale finito quasi in stato di abbandono.

Fabrizio Durante

“Non è stato facile far ripartire una macchina ferma per più di 20 mesi – ha dichiarato Fabrizio Durante -. Noi non abbiamo mai riaperto neppure per concerti di musica dal vivo, quindi il locale è rimasto in stato di abbandono e ha richiesto manutenzione straordinaria e ordinaria alla riapertura.

Il 50 per cento di capienza non porta utili alla nostra
attività, ma volevamo mandare un segnale accettando di riaprire, lo abbiamo
fatto anche per i ragazzi che lavorano con noi. In realtà neppure i tempi prima
del Covid-19 erano stati eccelsi, si può quindi immaginare cosa voglia
significare rifare attività dopo la batosta data dalla pandemia.

Devo comunque essere sincero – ha ammesso Durante – ho fatto
diverse inaugurazioni, ma questa è stata particolarmente emozionante. Ho visto
il mio locale vuoto durante la pandemia e costretto a rimanere tale per
qualcosa di “intangibile”, vederlo aperto, accorgermi dei sorrisi della gente,
sentire di nuovo il battito delle mani, avvertire gli sguardi tra le persone è
stata un’emozione impagabile”.

Le riaperture a Catania

Catania ha sperimentato nuove formule per riabbracciare gli habituè degli eventi organizzati sul lungomare della Playa nel rispetto del 50 per cento. Serata che ha sicuramente emozionato gli organizzatori, ma anche fatto ricordare quel che effettivamente il Covid-19 ha tolto.

Giuseppe Fiolo

“Noi siamo ripartiti, ma il problema delle capienze rappresenta davvero un problema – ha evidenziato Giuseppe Fiolo di With Love Music -. Portavamo a Catania spettacoli da 3-4 mila paganti quindi in questo momento storico proviamo davvero un disagio. Siamo ripartiti innanzitutto organizzando una riunione con i nostri artisti, abbiamo poi pensato di cambiare l’orario di apertura e chiusura proponendo un “day time”, una festa dalle 11 alle 21, scaglionando anche le presenze.

Era l’unico modo per incontrare di nuovo tutti. Abbiamo sfruttato un locale all’interno e di giorno il locale all’esterno. Restiamo abituati ad organizzare eventi con artisti che arrivano a Catania perfino con i jet privati, per questo la riapertura è stata bella per lo staff, ma sicuramente non è la nostra attività di sempre. C’è stata una bella carica, ci siamo divertiti tutti, ma l’apertura di quest’anno è stato un surrogato”.

Chiara Borzì
Twitter: @ChiaraBorzi

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684