Riforma dell’insegnamento: ritorna l’educazione civica - QdS

Riforma dell’insegnamento: ritorna l’educazione civica

redazione

Riforma dell’insegnamento: ritorna l’educazione civica

mercoledì 08 Maggio 2019 - 00:05
Riforma dell’insegnamento: ritorna l’educazione civica

L’iter non è ancora concluso, il provvedimentro è ora all’esame del Senato. Presidi: materia che va insegnata all’interno delle discipline esistenti

ROMA – “L’Educazione civica va insegnata all’interno dell’insegnamento, già esistente, su “Cittadinanza e Costituzione”: non sempre questo è stato fatto: a questo insegnamento devono poter partecipare tutti gli insegnanti, si tratta infatti di una materia trasversale e non ha senso trasmettere nozioni astratte, come si faceva un tempo”.

A dirlo è il presidente dell’Anp, l’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli. “L’insegnamento di Educazione civica, con il nuovo testo del Parlamento, viene riformulato: noi riteniamo – prosegue Giannelli – che non sia necessario inserire un’ora in più di Educazione civica a scuola, anche perchè se un’ora si inserisce, un’altra deve essere tolta. La disciplina è trasversale perchè riguarda una serie di condotte e di competenze, e quindi può essere insegnata da vari docenti e non necessita di un orario specifico”.

La riforma dell’insegnamento, che reintroduce in modo specifico l’educazione civica nelle scuole elementari e medie, è stata approvata il 2 maggio alla Camera. L’iter non è ancora concluso, il provvedimento passerà ora all’esame del Senato.

Tra gli emendamenti ne è stato approvato uno che cancella alcuni articoli del Regio Decreto del 1928, ossia quelli che prevedono una serie di provvedimenti disciplinari nei confronti degli alunni: l’ammonizione, la nota sul registro con comunicazione scritta ai genitori, la sospensione (da uno a dieci giorni). L’esclusione dagli scrutini o dagli esami della prima sessione, l’espulsione dalla scuola con perdita dell’anno non verrebbero, dunque, più utilizzati come strumenti educativi, perché ritenuti obsoleti e anacronistici.

L’obiettivo principale di questo emendamento è quello di puntare a “rafforzare la collaborazione con le famiglie”, estendendo alla scuola primaria il Patto educativo di corresponsabilità valido, al momento, solo per le scuole medie e superiori.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684