Risarcimento a studenti per accesso ritardato a facoltà medicina - QdS

Risarcimento a studenti per accesso ritardato a facoltà medicina

web-dr

Risarcimento a studenti per accesso ritardato a facoltà medicina

web-dr |
martedì 23 Febbraio 2021 - 17:53

Pronuncia della Corte d'Appello di Roma che ha riconosciuto, applicando la legge Pinto, un risarcimento per l'eccessiva durata del processo per l'accesso alla facoltà a numero chiuso

Un punto fermo e importante è la recente pronuncia della Corte d’Appello di Roma che ha riconosciuto, applicando la legge Pinto, un risarcimento per l’eccessiva durata del processo in merito all’accesso alle facoltà a numero chiuso.

Calogero Leanza e Francesco Mobilia

Il ricorso è stato presentato dagli avvocati messinesi Calogero Leanza e Francesco Mobilia, i quali hanno chiesto alla Pubblica Amministrazione un risarcimento da corrispondere in favore di alcuni ex studenti universitari che nel 2013 avevano proposto ricorso per l’accesso alla facoltà di Medicina ed altri corsi di laurea a numero chiuso.

La vicenda nasce quindi sette anni fa, un lasso temporale abnorme che ha profondamente inciso sulla serenità degli studenti stessi che, seppur ammessi alla facoltà in via cautelare e provvisoria, non avevano certezze su quale sarebbe stato l’esito della loro carriera universitaria una volta pronunciata la sentenza definitiva del Tar.

«È un’importante svolta che accorda finalmente tutela a tutti quegli studenti che per troppi anni hanno vissuto nel timore di vedere vanificato il loro percorso universitario – hanno dichiarato i legali – Si tratta di una fondamentale svolta nel panorama giuridico che finalmente riconosce un ristoro anche alle sofferenze cui sono esposti i ragazzi nel protrarsi di questi lunghi giudizi. In questo senso risulta di massima rilevanza l’applicazione della L. 89/2001 (c.d. legge Pinto) grazie alla quale è possibile ottenere un risarcimento al fine di controbilanciare, almeno in parte, l’annoso problema delle lungaggini processuali che affligge il nostro sistema giudiziario: esortiamo quindi tutti i ragazzi che abbiano avuto questo genere di disagio a far valere i loro diritti».

Un lieto fine, quindi, dopo un percorso travagliato che mette in luce, ancora una volta, la necessità di riformare la disciplina del processo, con un deciso intervento sistematico da parte del legislatore, in modo tale da garantire tempi brevi e risultati efficienti.

Sonia Sabatino

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684