Sciopero benzinai gennaio, esposto Codacons - QdS

Sciopero benzinai, “immotivato e sbagliato”: Codacons sul piede di guerra, pronto esposto

webms

Sciopero benzinai, “immotivato e sbagliato”: Codacons sul piede di guerra, pronto esposto

Redazione  |
lunedì 23 Gennaio 2023 - 14:01

Codacons depositerà un formale esposto alla magistratura per "interruzione di pubblico servizio": le dichiarazioni sullo sciopero del 25 e 26 gennaio.

Sullo sciopero dei benzinai del 25 e 26 gennaio incombe una denuncia del Codacons alla Procura della Repubblica di Roma. Ad annunciarlo è la stessa associazione dei consumatori, che depositerà un formale esposto alla magistratura.

L’accusa in questo caso è di “interruzione di pubblico servizio“.

Sciopero benzinai 25-26 gennaio, esposto Codacons

“Sospendere in modo totale il servizio per 48 ore, sulla rete urbana e sulle autostrade, sia per la modalità servito che per il self service, rappresenta una decisione gravissima che va oltre uno sciopero di categoria e creerà enormi e ingiustificati danni al paese e ai cittadini”, spiega il Codacons.

“Uno sciopero che appare ancor più immotivato e sbagliato se si considera che il Governo, su richiesta degli stessi benzinai, ha annacquato il decreto trasparenza, eliminando l’obbligo di indicazione giornaliera dei prezzi medi e riducendo drasticamente le sanzioni per i distributori scorretti”.

Dopo aver ottenuto con le nostre denunce l’apertura di indagini da parte di Antitrust, Guardia di Finanza e Procure di tutta Italia in relazione alle anomalie dei listini dei carburanti, ci vediamo costretti ad intervenire nuovamente a livello legale per tutelare i diritti dei consumatori”, prosegue il Codacons

“Per questo ci rivolgiamo alla magistratura affinché accerti se la protesta dei benzinai, per la durata e per le abnormi modalità di attuazione, possa configurare possibili reati come l’interruzione di pubblico servizio”, conclude il Codacons.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001