Sciopero trasportatori, il Distretto Orticolo Sud-Est Sicilia si scaglia contro Musumeci - QdS

Sciopero trasportatori, il Distretto Orticolo Sud-Est Sicilia si scaglia contro Musumeci

web-pv

Sciopero trasportatori, il Distretto Orticolo Sud-Est Sicilia si scaglia contro Musumeci

Biagio Tinghino  |
giovedì 24 Febbraio 2022 - 18:43

Le dichiarazioni degli imprenditori del Distretto Orticolo del Sud-Est Sicilia sulla protesta degli autotrasportatori

“Musumeci dalla parte dello sciopero e del blocco degli autotrasportatori?” Il Distretto Orticolo del Sud-Est Sicilia, che conta oltre 100 imprese, più di 2000 ha di produzione orticola con oltre 3500 addetti dell’areale tra Ragusa, Siracusa, Catania, Caltanissetta, Agrigento è sbalordito e confuso dalle parole e dalla reazione del Presidente Musumeci proferite recentemente con i responsabili del blocco dei trasporti al casello di San Gregorio (Ct).

Il comunicato

All’unanimità i soci hanno commentato così la triste e grottesca vicenda: “Non è un gioco, ma la triste realtà. Siamo imbarazzati dall’irragionevole superficialità con la quale il Presidente della Regione Siciliana ha affrontato il disagio degli autotrasportatori. Non bastavano la geopandemia, gli instabili assetti in politica internazionale, l’aumento delle materie prime, il caro vita, l’aumento degli indici di povertà, le continue oscillazioni di prezzo, adesso è giunta l’ora per gli agricoltori di subire anche la follia istituzionale – non troviamo altre parole- di una politica che disconosce le esigenze basilari del comparto.

L’affondo a Musumeci

“Ci aspettavamo” – continuano dal DOSES – “un Presidente semplicemente più consapevole e capace di mediare sopra le parti; che magari fosse andato nel luogo della protesta a calmierare gli animi, e pertanto a far capire che tale modalità danneggia soltanto noi Siciliani. La Gdo troverà come rifornirsi altrove (anzi abbiamo fatto un favore agli Spagnoli e ai Marocchini), ma i debiti rimarranno ai siciliani. Capiamo il disagio del settore degli autotrasportatori poiché nel nostro distretto è presente anche tale filiera, ma non possiamo condividere le modalità della protesta. Non è la guerra tra poveri che risolverà l’economia nostrana, ma la conciliazione e finalmente la sottoscrizione di intese e protocolli con chiare garanzie della Regione Siciliana e del Ministero. La memoria ci ricorda che i fallimenti della storia del Sud sono legati all’incompetenza, all’inconsistenza delle azioni di monitoraggio e di analisi dei processi, nonché al dialogo infruttuoso: abbiamo il timore che questa manifestazione di crisi sia solo una delle prime di questo 2022 nel mondo agroalimentare e pertanto chiediamo immediatamente oltre che la fine della protesta, un piano preventivo di ricaduta positiva nel territorio. Non prendiamoci in giro: stiamo attraversando un periodo difficilissimo e dobbiamo essere pronti a gestire eventuali malumori, ulteriori e nefaste oscillazioni di prezzo, nonché gli effetti dell’inflazione”.

Appello a politica e sindacati

Pertanto, gli associati del DOSES pur condividendo il malessere degli autotrasportatori e dichiarandosi pronti anche a sostenere future azioni di protesta comuni con loro, ma con le corrette modalità, chiedono l’intervento delle forze politiche/sindacali siciliane ed in alternativa delle prefetture /questure interessate, affinché la sopravvivenza e il destino di migliaia di produttori della fascia trasformata non siano boicottate da una protesta male organizzata e ancor di più mal sostenuta (anche moralmente e verbalmente ) dai vertici regionali .

“Affamare il comparto agroalimentare e così il pilastro dell’economia sociale significherebbe solo rischiare di apportare instabilità sociale – hanno concluso gli imprenditori del distretto orticolo della Sicilia Orientale -. Non giratevi dall’altra parte, chiediamo solo responsabilità al fine di tutelare la continuità lavorativa dei nostri dipendenti”.

Biagio Tinghino

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001