Scrutini entro il 9 giugno: è corsa al voto - QdS

Scrutini entro il 9 giugno: è corsa al voto

Lucia Russo

Scrutini entro il 9 giugno: è corsa al voto

mercoledì 26 Maggio 2021 - 00:00

Non c’è più tempo per le interrogazioni-salvezza dell’ultima ora

Per le interrogazioni-salvezza dell’ultima ora in quest’anno scolastico non c’è più tempo. Sarà stato per consentire ai dirigenti scolastici di dedicare del tempo all’organizzazione delle attività per le scuole aperte d’estate, che, con Ordinanza ministeriale n. 159 del 17 maggio scorso, il ministro Patrizio Bianchi ha stabilito che “i dirigenti preposti agli Uffici scolastici regionali sono autorizzati a prevedere la conclusione degli scrutini finali (…) entro il termine delle lezioni fissato dai calendari delle Regioni e delle Province autonome, fermo restando l’avvio degli stessi non prima del 1° giugno 2021”.

L’Ufficio scolastico regionale della Sicilia si è adeguato con una nota del direttore Stefano Suraniti del 21 maggio scorso, precisando che visto che per la Regione Siciliana il calendario per l’anno scolastico 2020/2021 prevede al 9 di giugno il termine delle lezioni, i dirigenti scolastici potranno organizzare tali operazioni di conclusione dell’anno scolastico a partire dall’1 ed entro il 9 di giugno. Ciò in deroga alla prassi ordinaria di avvio degli scrutini solo dopo la chiusura definitiva del portone.
Mani ai capelli per gli insegnanti che non hanno ancora completato il numero sufficiente di interrogazioni o di verifiche scritte, anche se, in verità già da un mese si vociferava questo possibile anticipo. E sono guai anche per gli studenti pentiti di aver perso tempo tutto l’anno e non essersi preoccupati di porre rimedio a quel brutto 2.

Tale disposizione agevola in modo particolare le operazioni preliminari all’Esame di Stato, visto che i consigli delle classi quinte sono tenuti, nel corso dello scrutinio che deciderà gli ammessi all’esame di maturità, a procedere alla conversione dei crediti scolastici conseguiti al terzo e quarto anno, dal momento che l’esame si svolgerà solo con il colloquio orale.

Molti borbottii in sala professori, ma il giudizio sul lavoro svolto nell’anno dagli alunni non dovrebbe essere comunque già formulato? Non saranno 4 o 5 giorni di tempo a modificarlo!

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x