Scuola e territorio: un lavoro di rete, opportunità e crescita - QdS

Scuola e territorio: un lavoro di rete, opportunità e crescita

redazione

Scuola e territorio: un lavoro di rete, opportunità e crescita

sabato 27 Luglio 2019 - 03:00
Scuola e territorio: un lavoro  di rete, opportunità e crescita

Il progetto Eni “Insieme Funziona!” raccontato dai dirigenti scolastici Aldisio e Nobile. Nel 2018-2019 coinvolti 140 alunni di sei scuole primarie italiane

GELA (CL) – La scuola di oggi ha il dovere, principalmente morale oltre che professionale, di promuovere, perseguire e realizzare esperienze formative di “Inclusione, integrazione e innovazione”. Tre imperativi questi ultimi, di una progettazione organica e integrata che valorizza le differenze, favorisce l’incontro tra culture diverse, l’interazione fra i diversi attori, ambienti e risorse, dentro e fuori di essa.

L’apertura al territorio, alla comunità locale, nazionale ed europea, attraverso percorsi di potenziamento delle metodologie innovative sperimentali e tecnologiche, rappresenta la strategia principale attraverso cui arricchire il curricolo d’Istituto di ciascuna Istituzione scolastica.

Tre imperativi di un deciso impegno, in direzione del ripensamento ottimistico del futuro della nostra comunità territoriale che si realizza proprio attraverso la condivisione in rete di un progetto integrato per la rielaborazione di valori culturali e civili, in una chiave di lettura “ globale” ai fini di un efficace contributo alla trasformazione, sociale e culturale della società ed al suo progresso.

Per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, coerentemente con l’Atto d’Indirizzo emanato dal Dirigente Scolastico, ai fini della progettazione didattica ed organizzativa complessa, la scuola deve promuovere accordi di rete con altri Istituti, stipulare accordi, protocolli e convenzioni con università, istituzioni, enti, associazioni o agenzie operanti sul territorio, implementare la rete educativa prioritaria, concordando sul carattere strutturale e funzionale della collaborazione, per definire percorsi e strategie comuni, per realizzare una rete di servizi coordinati e progetti integrati per l’educazione e la formazione, al fine di offrire un efficace contesto di apprendimento, competenze trasversali e maturazione armonica di cittadinanza attiva dello studente.

Nel quadro di un azione integrata ed efficace tra soggetti che operano in ambiti economici, culturali e sociali del territorio, la partecipazione al Progetto “Insieme Funziona!” promosso da Eni, pensato per l’anno scolastico 2018-2019 e rivolto a due classi IV di due scuole primarie di Gela, con il coinvolgimento di circa 140 alunni di sei scuole primarie italiane, localizzate in cinque territori di interesse Eni: Taranto, Gela, Roma, San Donato Milanese e Livorno, ha rappresentato la felice realizzazione di un progetto di rete di un proficuo ed efficace rapporto di collaborazione, al fine di realizzare un processo ed un progetto di miglioramento che punti alla qualità del sistema formativo.

Obiettivo del progetto è stato di affrontare anche con le giovanissime generazioni, temi sociali e di attualità e di stimolare una riflessione sulle tematiche dell’inclusione e dell’accettazione quale sfondo integratore da cui, ogni scuola di ciascun territorio, ha focalizzato ed approfondito un fenomeno sociale specifico: a Taranto si è parlato di disabilità e diversità, a Gela di razzismo etnico e religioso, a Roma di bullismo, a Milano è stata affrontata la tematica delle pari opportunità di genere. La scuola di Livorno ha approfondito invece, tutte le tematiche e ha lavorato, con il supporto di un’associazione, sulla scrittura di una parte teatrale.

Attraverso il supporto di professionalità esterne specializzate, la fattiva collaborazione degli insegnanti e l’utilizzo delle metodologie del cooperative learning e di tinkering, tutti i partecipanti sono stati guidati e stimolati a sviluppare con interesse e partecipazione alle diverse fasi del progetto, maturando un pensiero critico divergente.

Ogni gruppo classe ha offerto un valido e concreto contributo alla produzione di un parte dell’insieme, in cui la creatività espressiva e la fantasia, hanno contribuito al pieno funzionamento di tutte le attività progettuali.

Il nostro è un impegno determinato, ad essere una scuola attiva nel territorio come “polo di formazione, innovazione inclusione ed orientamento” luogo di formazione dei futuri cittadini attivi e responsabili, dotati di senso critico e spirito d’iniziativa.

Il nostro obiettivo è la realizzazione di percorsi di successo, esperienze motivanti e significative che promuovono la cultura della valorizzazione e della promozione della persona e del territorio, delle diversità come risorsa, ai fini di un inserimento di successo nella società”.

Il Dirigente Scolastico
Dott.ssa Viviana Aldisio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684