Scuola, finalmente in soffitta il divieto di bocciare - QdS

Scuola, finalmente in soffitta il divieto di bocciare

Lucia Russo

Scuola, finalmente in soffitta il divieto di bocciare

mercoledì 15 Giugno 2022 - 08:22

La pandemia ha provocato quel grave disastro di dare la promozione a tutti

L’anno scolastico è giunto al termine ed è stata una vera festa per i ragazzi l’ultimo giorno di scuola, soprattutto perché sono ritornati ad attendere tutti insieme il suono della campanella per augurarsi “buone vacanze” o darsi appuntamento al mare o al campetto a giocare lontano dai banchi. Anche se la mascherina è lì a ricordarci che il virus continua a circolare e che tante sono le perdite di persone care che abbiamo sofferto, sono i giovani che più di tutti ci spingono a guardare al futuro e noi insegnanti in questi giorni siamo riuniti per valutare nel corso degli scrutini finali come è andato quest’anno, finalmente senza essere costretti a promuovere in ogni caso.

La pandemia ha provocato quel grave disastro di dare la promozione a tutti

Sì, perché la pandemia, ha provocato quel grave disastro di dare la promozione a tutti, soprattutto a giugno 2020, con conseguenze disastrose già viste quest’anno, in cui molti alunni hanno abbandonato la scuola perché non in grado di sostenere i ritmi della frequenza regolare o spesso hanno avuto difficoltà a fare ingresso a scuola alla prima ora.

Hanno fatto male quei genitori che si sono affannati a farsi rilasciare dei certificati medici per giustificare le assenze prolungate. Spetta a noi adulti ricordare che per ottenere risultati nella vita occorre fare sacrifici e che il sapere si conquista anche grazie all’applicazione costante, al confronto con gli altri e con le prove scritte e orali.

Ogni docente è chiamato a valutare il profitto tenendo conto non solo degli esiti di interrogazioni e compiti, ma anche del livello di partecipazione alla vita scolastica fatta di attività in collaborazione con i compagni, supportate spesso dalla tecnologia che grazie al Covid è sempre più diffusa nelle scuole.
Ricordiamo ai nostri figli che le regole vanno rispettate e che c’è un tempo per tutto, cioè per l’impegno prima e per la gratificazione poi.

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684