Imprenditore vicino a Cosa Nostra, maxi-sequestro nell'Agrigentino - QdS

Imprenditore edile vicino a Cosa Nostra, maxi-sequestro nell’Agrigentino

webms

Imprenditore edile vicino a Cosa Nostra, maxi-sequestro nell’Agrigentino

webms |
lunedì 04 Luglio 2022 - 13:44

L'imprenditore edile sarebbe ritenuto vicino a esponenti della criminalità organizzata locale. Ecco i dettagli dell'operazione della GdF.

La Guardia di Finanza ha eseguito un sequestro da oltre un milione di euro nei confronti di un imprenditore edile della provincia di Agrigento, ritenuto vicino a Cosa Nostra.

A emettere il provvedimento la sezione Misure di Prevenzioni del Tribunale di Palermo, su proposta della Dda (Direzione Distrettuale Antimafia) locale.

Imprenditore vicino alla mafia: maxi-sequestro nell’Agrigentino

L’imprenditore era stato arrestato nel 2018 e risulta imputato (con sentenza di condanna in primo e secondo grado) per favoreggiamento personale aggravato. Secondo l’accusa, infatti, avrebbe aiutato un noto pregiudicato mafioso della provincia di Agrigento a eludere le indagini a suo carico.

Le indagini, condotte dal nucleo di Polizia economico finanziaria di Agrigento, hanno consentito di ricostruire gli asset patrimoniali e le disponibilità finanziarie riconducibili all’imprenditore anche indirettamente (alcune erano formalmente intestati a propri familiari). I controlli hanno permesso di individuare – tra questi – “quelli acquisiti in un periodo in cui la redditività manifestata non giustificava la disponibilità delle risorse necessarie per tali investimenti, consentendo di attivare la presunzione che si trattasse di fondi di provenienza illecita“.

Il sequestro riguarda una ditta agrituristica, un’impresa commerciale, appezzamenti di terreno, polizze assicurative e depositi bancari per un valore complessivo stimato di circa 1.100.000 euro.

In provincia di Agrigento, a Licata, inoltre, i carabinieri del Ros di Palermo hanno arrestato un luogotenente dell’Arma sempre per presunta vicinanza a esponenti della criminalità organizzata.

Immagine di repertorio

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684