Si va verso una prevenzione precoce dei tumori grazie alle tecniche di sequenziamento del Dna - QdS

Si va verso una prevenzione precoce dei tumori grazie alle tecniche di sequenziamento del Dna

redazione

Si va verso una prevenzione precoce dei tumori grazie alle tecniche di sequenziamento del Dna

mercoledì 02 Ottobre 2019 - 00:00
Si va verso una prevenzione precoce dei tumori grazie alle tecniche di sequenziamento del Dna

Uno recente studio ha dimostrato la possibilità di individuare le alterazioni genetiche che precedono lo sviluppo del cancro

in collaborazione con ITALPRESS

ROMA – La strada verso un’applicazione nella pratica clinica è già stata aperta. L’approccio che permette di studiare i tumori analizzando i frammenti di Dna in circolo nel sangue è stato proposto per analizzare le caratteristiche genetiche dei tumori resistenti alle terapie. L’analisi del Dna libero circolante (cell-free Dna, CfDna) può però essere utile molto prima, in assenza di tumori. A dimostrarlo è uno studio pubblicato su Cell Death & Disease da un gruppo internazionale di esperti coordinato dai ricercatori di Bioscience Genomics, spin-off partecipato dall’Universita’ degli Studi di Roma Tor Vergata e da Bioscience Institute di San Marino.

Gli autori di questa nuova pubblicazione hanno infatti dimostrato la validità dell’approccio basato su un algoritmo brevettato da Bioscience che si avvale delle più moderne tecniche di sequenziamento del Dna nell’individuazione delle alterazioni genetiche che precedono lo sviluppo del cancro (prodromiche) e quindi in individui sani e asintomatici che non hanno ancora sviluppato alcun tumore.

Lo studio sottolinea le nuove potenzialità della genomica applicata all’oncologia e svela l’approccio metodologico proposto da Bioscience Genomics. Nuovi investimenti permetteranno di espandere nel mondo questo approccio innovativo affinché gli individui sani possano intraprendere un programma di prevenzione che evidenzi le fasi della malattia tumorale prima che sia sviluppata.

Nello studio pubblicato su Cell Death & Disease, un gruppo di ricercatori e clinici dell’Ospedale Universitario di Basilea (Svizzera), Roma Tor Vergata e Trieste, degli ospedali di Cremona e del Memorial Sloan Kettering Cancer Centre di New York (Stati Uniti), insieme al gruppo di ricerca di Bioscience Genomics, hanno analizzato la possibilità di utilizzare l’algoritmo per effettuare il monitoraggio delle alterazioni genetiche che, se presenti in individui sani e asintomatici, sono indicatori della fase prodromica del tumore.

L’obiettivo di Helixafe, questo programma di prevenzione precoce, è identificare sottopopolazioni di individui sani e asintomatici che non hanno ancora sviluppato un cancro e che potrebbero cominciare a combattere i tumori ancora prima di una diagnosi precoce. Gli attuali approcci diagnostici, infatti, consentono di individuare il tumore solo quando è già sviluppato e ha una dimensione tangibile. Al contrario, l’approccio proposto da Bioscience Genomics permette di studiare la cosiddetta fase prodromica del tumore, cioè la fase totalmente asintomatica in cui il tumore non è ancora presente ma alcune cellule nell’organismo hanno iniziato ad accumulare alterazioni genomiche, manifestando un fenomeno associato allo sviluppo del cancro: l’instabilita’ genomica. Sono tanti, oramai, i farmaci e i prodotti biologici che hanno un’efficacia chemio-preventiva e che quindi possono essere usati per scopi preventivi rispetto a un alto rischio di tumore, cio’ che potrebbe verificarsi nella fase prodromica del tumore.

Gli autori dello studio hanno dapprima dovuto affrontare gli ostacoli insiti nell’analisi del CfDna nel sangue di individui sani, primo fra tutti la sua scarsa abbondanza. Il primo obiettivo è stato quindi dimostrare la fattibilità tecnica dell’analisi del CfDna in individui sani. Per raggiungerlo sono stati analizzati, per un periodo di 1-10 anni, campioni di sangue raccolti da 114 individui inizialmente tutti sani. Dapprima è stato escluso che la qualità del CfDdna potesse influenzare la buona riuscita del sequenziamento. Successivamente è stata confermata la validità della strategia mediante il confronto dei risultati dell’analisi di Bioscience Genomics, ottenuti dai campioni di sangue dei pazienti oncologici, con quelli dell’analisi dei tessuti ottenuta dalle biopsie di tumore degli stessi pazienti. Infine, la presenza e lo sviluppo delle alterazioni genetiche sono stata valutate in parallelo al monitoraggio dello stato di salute per un periodo variabile tra 1 e 10 anni.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684