Sicilia, sindacati, verso sciopero ad oltranza dei precari Asu - QdS

Sicilia, sindacati, verso sciopero ad oltranza dei precari Asu

web-gl

Sicilia, sindacati, verso sciopero ad oltranza dei precari Asu

web-gl |
venerdì 18 Giugno 2021 - 11:33

Claudio Fava: "Se non ci fossero di mezzo le vite di migliaia di siciliani verrebbe da dire che dalla tragedia siamo precipitati nella farsa".

I sindacati Ugl, Confintesa, Cobas/Codir e Usb hanno proclamato lo stato d’agitazione dopo che il Consiglio dei ministri ha impugnato la norma regionale sulla stabilizzazione dei 4.571 lavoratori Asu, impiegati da enti pubblici e dal privato sociale.

“Nelle more – spiega una nota delle sigle sindacali – indiciamo uno sciopero a oltranza, distinto per turnazioni e per uffici di appartenenza, nelle modalità e negli orari che, a breve, cercheremo di concordare con tutti i lavoratori”.

I sindacati chiedono che Regione e governo nazionale trovino una soluzione entro l’anno: “Palermo e Roma, insieme, senza indugio alcuno e al riparo da ogni cavillo politico, hanno l’obbligo giuridico e morale di chiudere la mortificante pagina del precariato storico nell’Isola, garantendo i diritti dei lavoratori”.

“Ci sono più di quattromila lavoratori, a cui il Governo regionale aveva assicurato la fuoriuscita dall’incubo della precarietà, e che oggi si ritrovano senza certezze. Ci sono decine e decine di sindaci che pensavano di poter rendere più efficiente la macchina comunale con i processi di stabilizzazione del personale e che invece si ritrovano, anche loro, senza certezze. Ma per il governo Musumeci la manovra ha retto. Se non ci fossero di mezzo le vite di migliaia di siciliani verrebbe da dire che dalla tragedia siamo precipitati nella farsa” ha detto Claudio Fava, sugli articoli della finanziaria regionale impugnati dal Consiglio dei Ministri.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684