Cosa sono gli Uragani mediterranei, dove e quando colpirà la Sicilia, i rischi - QdS

Cosa sono gli Uragani mediterranei, dove e quando colpirà la Sicilia, i rischi

web-dr

Cosa sono gli Uragani mediterranei, dove e quando colpirà la Sicilia, i rischi

web-dr |
lunedì 25 Ottobre 2021 - 18:15

In gergo meteorologico li chiamiamo “Medicane“, gli Uragani Mediterranei. Per caratteristiche interne e per forza i “TLC” non hanno nulla da invidiare ai classici cicloni tropicali

Alcune particolari perturbazioni che colpiscono il
Mediterraneo vengono classificate tecnicamente con il termine di “TLC”, o “Tropical
Like Ciclones”
.

In gergo meteorologico li chiamiamo “Medicane“, gli Uragani
Mediterranei
. Per caratteristiche interne e per forza i “TLC” non hanno nulla da invidiare ai classici cicloni tropicali (che vengono
chiamati “
Uragani” nell’oceano Atlantico, “Tifoni” nell’oceano Pacifico e “Cicloni” nell’oceano Indiano, ma sono lo stesso
identico fenomeno
) che sferzano il settore tropicale
dell’Atlantico, il Pacifico e l’oceano Indiano.

Essendo caratterizzati internamente da un “cuore caldo”, ben presente soprattutto nei bassi strati, i “TLC” si differenziano notevolmente dai più comuni cicloni
extratropicali che si formano continuamente tra l’Europa e il bacino del
Mediterraneo (le classiche ondate di maltempo), e sono molto più violenti.

I Medicane hanno solitamente una estensione molto più limitata, ma
attorno al profondo minimo barico riescono a conservare una grandissima potenza
che spesso si traduce con una intensa attività convettiva al centro, dove si
possono celare dei sistemi temporaleschi particolarmente attivi, e da venti
molto forti e turbolenti, spesso sotto forma di tempesta anche se il “Fetch” non raggiunge mai grandi estensioni concentrandosi
proprio a ridosso dell’occhio.

Un’altra caratteristica dei “TLC” è rappresentata dalla loro grande “barotropicità”, tipica delle perturbazioni tropicali, al contrario delle depressioni extratropicali delle medie latitudini che sono caratterizzata da “baroclinicità”. Questi profondi vortici ciclonici tropicali mediterranei si formano molto spesso nella stagione autunnale, fra Agosto e il mese di Gennaio, più frequentemente tra Settembre e Dicembre, nel periodo dell’anno in cui le temperature delle acque superficiali dei mari mediterranei raggiungono i massimi valori, anche con picchi di +27°C +28°C anche intorno all’Italia, come accaduto appunto quest’anno.

Dove si trova l’uragano mediterraneo formatosi questa notte

Le animazioni dei satelliti meteo consentono più di ogni altro strumento di monitorare le condizioni meteorologiche in diretta, illustrando la direzione delle nubi e l’evoluzione di ogni situazione meteo in tempo reale.

Secondo le ultimissime osservazione (ore 17:30 di lunedì 26 ottobre) l’occhio del ciclone si trova in questo momento a Sud Est della Sicilia, sul mare Ionio.

Dopo un lunedì 25 piuttosto difficile sul fronte meteo per le estreme regioni meridionali e, in particolare, per l’area ionica della Calabria, anche la giornata di martedì 26 vedrà proseguire lo stato di emergenza sulle medesime regioni, con un parziale coinvolgimento anche del resto del Sud e di parte dei settori adriatici del Centro.

A rischio di forti piogge e nubifragi dunque saranno ancora una volta l’area ionica Calabrese fino a quella più orientale siciliana. Al Centro un passaggio perturbato interesserà dapprima le regioni tirreniche, per poi trasferirsi a quelle adriatiche. Le precipitazioni potrebbero risultare consistenti sul basso Lazio e sui settori adriatici.

Tag:

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001