Slow Fish: la plastica è il nemico numero uno dei mari italiani - QdS

Slow Fish: la plastica è il nemico numero uno dei mari italiani

redazione

Slow Fish: la plastica è il nemico numero uno dei mari italiani

domenica 12 Maggio 2019 - 09:21
Slow Fish: la plastica è il nemico numero uno dei mari italiani

Lo dimostra una ricerca del Ministero per l'Ambiente. L'ottanta per cento dei rifiuti arriva dai fiumi. Monitorate 64 spiagge, 289 stazioni di profondità, la superficie marina e 150 tartarughe spiaggiate

La plastica è il nemico numero uno dei mari e delle spiagge italiane ma attenzione, le abitudini scorrette non riguardano solo chi va per mare e chi vive lungo la costa, devono fare un esame di coscienza soprattutto le popolazioni lontane dal mare che inquinano attraverso i fiumi.

E’ quanto emerge da una ricerca del Ministero per l’Ambiente illustrata alla nona edizione di Slow Fish.

“Diversamente da quanto atteso, l’80% dei rifiuti censiti sulle spiagge arriva dai fiumi. Un dato che dovrebbe farci riflettere sul fatto che la cura dei mari comincia dai nostri comportamenti a terra” ha evidenziato il biologo Silvio Greco che guida il comitato scientifico di Slow Fish.

Se ci sono 179.023 particelle di microplastiche disperse in media ogni chilometro quadrato, come hanno rilevato gli studi Ispra e di 15 Arpa costiere italiane, la colpa è in primo luogo dei fiumi.

“Si tratta di un vero e proprio punto zero nello studio sullo stato di salute dei nostri mari” ha detto la referente per l’ Ambiente marino del Ministero Irene Di Girolamo.

“I dati – ha aggiunto riguardano il periodo 2015-2017 e, al termine del secondo ciclo di analisi, nel 2021, potremo fare un confronto e capire se le prime misure in atto hanno dato frutti e se la strada è quella giusta”.

Tra le aree monitorate 64 spiagge, 289 stazioni di profondità, la superficie marina e 150 esemplari di tartarughe spiaggiate (il 68% aveva ingerito plastica).

“Emerge – ha affermato Silvio Greco – un quadro significativo: con una media di 777 rifiuti ogni 100 metri di costa la plastica è il materiale più abbondante con una percentuale dell’80% . Il tempo delle chiacchiere è finito, non possiamo più produrre 430 milioni di tonnellate di plastica all’anno”.

Tra i 10 e gli 800 metri di profondità la media degli oggetti per chilometro quadrato passa da 66 a 99: anche qui la plastica è il materiale predominante con il 77%, rappresentata da buste, involucri per alimenti e attrezzi da pesca.

A Slow Fish non mancano gli esempi virtuosi come i pescatori siciliani che raccolgono plastica sulle spiagge più remote delle isole minori. Dalle pratiche positive di centinaia di comunità sparse nel mondo vengono suggerimenti e speranza per la gestione del mare.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684