Catania, droga, due cugini a capo di un traffico porta a porta, 13 arrestati - QdS

Catania, droga, due cugini a capo di un traffico porta a porta, 13 arrestati

web-mp

Catania, droga, due cugini a capo di un traffico porta a porta, 13 arrestati

web-mp |
martedì 08 Febbraio 2022 - 07:23

L'associazione, capace di introitare oltre 8 mila euro al giorno dallo spaccio, era altresì capeggiata da due cugini che sono risultati percettori del reddito di cittadinanza

Tredici arresti per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga. E’ il bilancio della maxi operazione antidroga condotta dai carabinieri nel Catanese.

Gli arrestati

Dodici dei soggetti colpiti dall’ordinanza cautelare, tra i quali anche un’unica donna nel ruolo di pusher insieme al fidanzato, come disposto dall’Autorità Giudiziaria sono stati pertanto associati presso istituti penitenziari della provincia etnea, mentre solo uno è stato sottoposto alla misura coercitiva degli arresti domiciliari.

Le indagini

Il blitz, scattato alle prime ore dell’alba, scaturisce dall’indagine della Dda catanese che ha fatto emergere l’operatività di un gruppo criminale, dotato di una struttura verticistica, specializzato nel traffico di cocaina e di marijuana in almeno tre fiorenti “piazze di spaccio” del territorio tra Catania e Mascalucia.

L’attività di indagine, coordinata da questa Procura della Repubblica e condotta dalla Stazione Carabinieri di Sant’Agata Li Battiati coadiuvata dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gravina di Catania, da ottobre 2020 a maggio 2021, “ha consentito di evidenziare la sussistenza di un grave quadro indiziario, commisurato all’attuale fase delle indagini in cui il contraddittorio tra le parti non risulta instaurato in modo completo, relativamente all’esistenza di una organizzazione criminale finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, operante nell’hinterland catanese di San Giovanni Galermo con al vertice due cugini: Attilio Salici e Gaetano Attilio che gestivano, tra l’altro, almeno tre fiorenti “piazze di spaccio” tra Catania e la villa comunale di Mascalucia”.

La base operativa era un autonoleggio a San Giovanni Galermo

L’indagine trae origine dall’arresto in flagranza di uno degli indagati sorpreso durante la cessione di sostanza stupefacente e si è sviluppata mediante attività tecniche e dinamiche che hanno permesso di far emergere, tra l’altro, l’operatività “di uno stabile sodalizio dedito al traffico di stupefacenti, dotato di una base logistica ed operativa – una fiorente attività di autonoleggio sita in San Giovanni Galermo – strutturato secondo una precisa suddivisione dei compiti e degli orari di “lavoro”, con una “cassa” comune.

Il porta a porta della droga e lingua decriptato, durante la pandemia

In particolare, secondo quanto emerso, la metodologia prevalente utilizzata nella distribuzione della sostanza era quella della cessione “porta a porta” – utilizzata anche in relazione alla limitazione alla circolazione a causa dell’emergenza pandemica – mentre ampiamente “decriptato” è stato il linguaggio convenzionalmente adottato dagli indagati per la compravendita dello stupefacente.

Il due cugini controllavano spaccio e percepivano RdC

L’associazione, capace di introitare oltre 8 mila euro al giorno dallo spaccio, era altresì capeggiata da due cugini che sono risultati percettori del reddito di cittadinanza.

I due cugini indicati come capi e promotori dell’associazione sono risultati essere percettori del reddito di cittadinanza unitamente ad altri due dei sodali coinvolti per un importo pari ad oltre 36.000 euro“, si legge nella nota dei Carabinieri.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684