Spid Poste diventa a pagamento, chi può richiederlo gratis - QdS

Spid Poste diventa a pagamento, chi può richiederlo gratis

web-iz

Spid Poste diventa a pagamento, chi può richiederlo gratis

web-iz |
lunedì 08 Novembre 2021 - 11:40

Con lo Spid vengono semplificate quasi tutte le procedure della pubblica amministrazione, con dati anagrafici, certificati, cartella fiscale e sanitaria accessibili da casa. Ecco come richiederlo.

L’emergenza sanitaria ha accelerato la digitalizzazione della PA e, ormai, le credenziali Spid – sistema pubblico di identità digitale – sono diventate praticamente indispensabili per accedere ai servizi pubblici. Adesso lo Spid di Poste Italiane sarà a pagamento, ecco in quali casi.

Nome utente e password possono essere richiesti da diversi fornitori, Identity Provider accreditati, che offrono diverse modalità di registrazione, gratuitamente o a pagamento.

Il PosteID, lo Spid fornito da Poste Italiane, può essere attivato gratuitamente online, senza la necessità di recarsi nell’ufficio postale e identificandosi con:

-SMS su cellulare certificato associato ad un prodotto Bancoposta o Postepay

-Lettore Bancoposta e carta Postamat

-Carta d’Identità Elettronica con PIN

-Carta d’Identità Elettronica senza PIN

-Carta Nazionale dei Servizi attiva con PIN

-Passaporto Elettronico

-Bonifico da un conto corrente italiano a te intestato

-Firma Digitale.

Identificazione in presenza

Il metodo d’indentificazione più utilizzato dagli utenti, però, resta quello dell’identificazione in presenza in un ufficio postale. Questo servizio è ormai a pagamento e costa 12 euro, iva inclusa. Tutti coloro che invece possono identificarsi con i metodi sopra indicati potranno continuare a riceverlo gratuitamente.

Spid, perché è utile e come richiederlo

Con lo Spid vengono semplificate quasi tutte le procedure della pubblica amministrazione, con dati anagrafici, certificati, cartella fiscale e sanitaria accessibili comodamente da casa. Si evitano le code degli uffici pubblici e si utilizza un’unica registrazione.

Tutti i cittadini italiani maggiorenni possono richiedere lo Spid:

– scegliendo il fornitore, ovvero un Identity Provider accreditato che offrono diverse modalità di registrazione, gratuitamente o a pagamento e diversi livelli di sicurezza (sono tre in totale). Sul sito Agenzia per l’Italia Digitale dedicato a Spid, c’è uno schema semplificato con il confronto tra i servizi offerti dai vari Identity Provider;

– inserendo i propri dati anagrafici e seguendo il percorso indicato sul sito dell’operatore scelto, con carta d’identità o passaporto o patente, nonché tessera sanitaria con codice fiscale;

– effettuando il riconoscimento e l’indentificazione. Tramite webcam, in ufficio (in presenza), tramite firma digitale, CIE o carta nazionale dei servizi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684