Stop alla prescrizione nei processi penali - QdS

Stop alla prescrizione nei processi penali

Sebastiano Attardi

Stop alla prescrizione nei processi penali

martedì 17 Settembre 2019 - 00:00
Stop alla prescrizione nei processi penali

Sono circa trentamila all’anno i processi penali che si prescrivono a causa del lungo trascorrere del tempo

Sono circa trentamila all’anno i processi penali che si prescrivono a causa del lungo trascorrere del tempo tra il momento in cui è stato commesso il reato ed il momento in cui viene emessa la relativa sentenza. Ciò premesso, va qui detto che – con l’entrata in vigore di una nuova legge che è stata varata dal governo nell’anno 2019 (cosiddetta legge Spazzacorrotti), ma con efficacia differita di un anno – dal primo gennaio 2020 la prescrizione si fermerà solo entro i termini del giudizio di primo grado, mentre non decorrerà più e quindi non verrà applicata ai successivi processi penali davanti agli altri due ulteriori gradi del giudizio, e ciò sia che si tratti di assoluzione sia che si tratti di sentenze di condanna.

Il blocco della prescrizione così determinata permetterebbe alla giustizia di salvare il lavoro fatto dal giudice in primo grado, ma nello stesso tempo metterebbe a rischio l’efficienza degli uffici giudiziari di grado superiore rispetto al primo grado, perché li aggraverà di circa trentamila procedimenti in più, ogni anno, con esiti disastrosi soprattutto sulle corti di appello, dove la percentuale di prescrizione è maggiore.

Gli avvocati penalisti, da sempre contrari alla detta riforma, continueranno a dare battaglia sotto l’aspetto costituzionale della citata legge, atteso che ci sono reati che si prescrivono in oltre venti anni e la patologia sono i venti anni e non già la prescrizione.

Il problema della prescrizione, invece, dovrebbe essere risolto esclusivamente aumentando il numero degli impiegati e dei funzionari delle cancellerie ed anche il numero dei giudici.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684