"Strage di Licata, famiglia sterminata: "La cattiveria ha superato ogni limite"

Strage di Licata, famiglia sterminata: “La cattiveria ha superato ogni limite”

web-mt

Strage di Licata, famiglia sterminata: “La cattiveria ha superato ogni limite”

web-mt |
giovedì 27 Gennaio 2022 - 09:36

Il professore associato di sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Messina Pira commenta il tragico bagno di sangue.

”Recuperare il senso del vivere civile e della famiglia”. Sono le parole di Francesco Pira, rilasciate all’Adnkronos dopo la strage di Licata. “Uccidere per un pozzo ed una coltivazione di carciofi. Far finire la vita al proprio fratello e alla cognata, spezzare i sogni di una ragazza e di un bambino. Impossibile trovare qualcosa di razionale pur cercandola, peraltro in una famiglia di persone incensurate, autorizzate anche all’uso di armi” – dice.

“Sconvolgente”

Il professore associato di sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Messina, in una intervista, si dice “sconvolto da questo terribile fatto di sangue accaduto nella sua città d’origine”, Licata. “Penso al dolore che hanno provato le compagne e i compagni di scuola di questi due ragazzi nel vedere stamani due sedie vuote- dice – Quello che è più inquietante è che tutto è avvenuto in una tranquilla giornata di pandemia e ha sconvolto tutta la comunità, ancora incredula. Più passavano le ore e più si definivano i contorni della strage; più sembravano incomprensibili le cause di un gesto così assurdo ed eccessivo.

Dentro un film dell’orrore

Certo non è la prima volta che per questioni di proprietà si uccide. Ma perché coinvolgere in un regolamento di conti anche i più piccoli. Perché far pagare loro un tributo di sangue. E allo stesso tempo perché non discutere e uccidere a bruciapelo il fratello e la moglie. Per alcune ore ci siamo sentiti tutti dentro un film horror. Il livello di cattiveria e di violenza quotidiana ha superato ogni limite.

Percorsi educativi

Per questo bisogna lavorare a percorsi seri, con i più giovani di educazione ai sentimenti. Dobbiamo recuperare- conclude il professor Pira- il senso del vivere civile e del rispetto degli altri e delle regole. Bisogna recuperare il senso della comunità e il valore della famiglia”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684