Cinema da... casa, su Netflix arriva "Pieces of a woman" - QdS

Cinema da… casa, su Netflix arriva “Pieces of a woman”

Francesco Torre

Cinema da… casa, su Netflix arriva “Pieces of a woman”

giovedì 14 Gennaio 2021 - 00:00
Cinema da… casa, su Netflix arriva “Pieces of a woman”

Potente e acceso, lo stile registico di di Kornél Mundruzcó si fonda su continui sinuosi movimenti di macchina con montaggio interno e pochi stacchi

PIECES OF A WOMAN
Regia di Kornél Mundruzcó, con Vanessa Kirby (Martha), Shia LaBeouf (Sean), Ellen Burstyn (Elizabeth).
Canada 2020, 128’.
Distribuzione: Netflix

Martha e Sean provengono da mondi differenti, vestono e parlano in modo differente, lavorano in ambienti differenti. L’unica cosa che sembra unirli è la voglia di mettere al mondo la loro bambina che la donna tiene in grembo, ma questo desiderio si infrange presto e in modo talmente doloroso da estirpare ogni anelito di vitalità nella coppia e trascinare Martha verso un tortuoso percorso di elaborazione del lutto.

Tratto da una pièce teatrale di Kata Weber, che qui sceneggia, e diretto dal suo partner, l’ungherese Kornél Mundruzcó (“Delta”, “White God”), il film dipana una serie di intricati simbolismi all’interno di uno schema melodrammatico appesantito da eccessi retorici e melliflui moralismi.

Potente e acceso, lo stile registico si fonda su continui sinuosi movimenti di macchina con montaggio interno e pochi stacchi. Nei due blocchi narrativi principali (il parto e la cena del Ringraziamento), poi, Mundruzcó opta per articolatissimi piani-sequenza meritevoli di approfondimento sul piano tecnico ed estetico, e gravidi di intensità espressiva grazie anche alla bravura delle interpreti.

Costruita per blocchi, la sceneggiatura scandisce il ritmo delle stagioni in sintonia con le inquietudini interiori e i dubbi morali della protagonista, e piega letteralmente in due l’intreccio, che nella seconda parte abbandona la figura di Sean per lasciare emergere quella della madre di Martha, e così difendere un modello matriarcale destinato a tramandarsi (vedere la scena finale, peraltro intrisa di allegorica compassione per la condizione umana, e femminile in particolare).

Sebbene l’immagine simbolicamente più forte del film sia innegabilmente quella del ponte in costruzione sul fiume Charles (la storia è ambientata in una Boston incolore, grigia e inospitale), con i due lati opposti e simmetrici in continuo avvicinamento e l’acqua in mezzo che scorre, pure la scena nella camera oscura, con l’immagine rivelatrice che conduce ad un’epifania e conseguentemente ad una rinascita – possiede un inestinguibile fascino per via dei rimandi cinefili e delle implicazioni metacinematografiche, che agiscono in simultanea per edificare un monumento al potere salvifico dell’immagine.

Voto: ☺☺☺☻☻

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684