Caretta caretta ingoia palloncino e muore in spiaggia Falcone, carcassa rubata - QdS

Caretta caretta ingoia palloncino e muore in spiaggia Falcone, carcassa rubata

web-iz

Caretta caretta ingoia palloncino e muore in spiaggia Falcone, carcassa rubata

web-iz |
lunedì 14 Marzo 2022 - 14:20

Un'agonia durata giorni a causa di qualcuno che libera ancora palloncini in cielo

“Una testuggine è morta per aver ingoiato un palloncino di plastica. La carcassa che era finita nella spiaggia di Falcone (Me) è stata rubata”.

Un’agonia durata giorni a causa di qualcuno che libera ancora palloncini in cielo

Lo dice Carmelo Isgrò, biologo marino. “Il filo di plastica del palloncino – aggiunge – è fuoriuscito dalla cloaca della povera tartaruga che dopo aver ingoiato il palloncino (scambiato certamente per cibo) è morta tra atroci sofferenze, dopo che il filo ne ha percorso tutto l’intestino. Fatto tristissimo che ci fa comprendere come il gesto di liberare palloncini di plastica in cielo, che potrebbe sembrare ingenuo, comporti gravi conseguenze in quanto ricadendo in mare (o in natura in generale) possono interferire gravemente con gli animali selvatici, fino addirittura ad ucciderli”.

Il furto della carcassa

“Dopo un’agonia che sarà durata giorni -prosegue – il corpo della sfortunata tartaruga è stato trasportato dalla corrente del mare sulla spiaggia, ma prima che si potesse recuperare la carcassa per scopi scientifici qualcuno ha “rubato” la tartaruga, forse per recuperare il carapace.

Escludo che se la sia ripresa il mare, perché era lontana dalla battigia e comunque il mare era calmo. Chiediamo a chi ha preso la tartaruga di restituirla, per permettere di effettuare la necroscopia. Informo che trafugare una Caretta caretta è un reato penale che prevede anche una multa salatissima. Ringrazio per la segnalazione Marisol Schepis, ragazza tredicenne con una grande sensibilità ambientale”. 

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684