Teatro: Siracusa, le "Troiane" sullo sfondo di un bosco morto - QdS

Teatro: Siracusa, le “Troiane” sullo sfondo di un bosco morto

admin@admin.com

Teatro: Siracusa, le “Troiane” sullo sfondo di un bosco morto

sabato 11 Maggio 2019 - 14:02
Teatro: Siracusa, le “Troiane” sullo sfondo di un bosco morto

La regia di Murie Mayette non riesce ad esprimere fino in fondo quel pathos che la tragedia possiede, non ci si commuove davanti al dolore delle donne. A parte Maddalena Crippa, una straordinaria Ecuba

Tre botti spaventosi e poi il silenzio, il nulla, e dalla foresta di alberi morti, vengono fuori le sopravvissute, le troiane, al debutto ieri sera al Teatro Greco di Siracusa, per il 55° ciclo di rappresentazioni classiche.

Ancora Euripide: “Le troiane”. La guerra è appena finita e Troia brucia, è sfregiata, ridotta in cenere. Non ci sono più uomini che possano difenderla e “il terrore scuote il petto delle troiane”.
Altissima è la sofferenza, e la paura più grande riguarda il futuro, verranno sorteggiate e da regine, mogli e figlie di re, andranno schiave o amanti dei capi greci.

Euripide mette in scena, con infinito coraggio, la tracotanza dei vincitori; la tragedia è del 415, e va in scena solo dopo qualche mese il sacco di Melo, dove l’esercito greco aveva appunto tradito, distrutto un possibile alleato, e assegnato le donne come schiave. Un esempio fulgido della autorevolezza del genio greco e della libertà espressiva di quel teatro.

Eppure Euripide condanna senza mezzi termini la colpevole arroganza dei greci, offesa agli uomini e agli dei.

Lo spettacolo è lineare, la traduzione di Alessandro Grilli è di grande pregio. I costumi di Marcella Salvo riproducono grigie tute mimetiche, senza distinzioni di ruoli, e il colore è inesistente, fino a due minuti prima della fine, quando le troiane regalano i loro abiti per la tomba del piccolo Astianatte, buttato giù dalle mura di Troia, solo perché figlio di Ettore, e restano con una tunica rossa.

La regia di Murie Mayette non riesce ad esprimere fino in fondo quel pathos che la tragedia possiede, non ci si commuove davanti al dolore delle donne, se non per la accorata recitazione di Maddalena Crippa, innanzitutto, bravissima Ecuba, insieme alla Elena altezzosa di Viola Graziosi, all’Andromaca di Elena Arvigo, e all’efficace Menelao di Graziano Piazza.

Unico momento veramente teatrale è il finale, quando le torce accese incendiano Troia.

Paolo Rossi è Taltibio, l’araldo, cinico, che fatica però a restare impassibile di fronte agli orrori, è bravo, ma è se stesso, è Paolo Rossi.

Il piccolo Riccardo Scalia è Astianatte e riscuote applausi a scena aperta.

La scena di Stefano Boeri è davvero drammatica, è un vero bosco morto proveniente dalla Carnia, gli alberi distrutti dalla furia del vento alcuni mesi fa.

Le musiche di Cyril Giroux sono gradevoli, tanto quanto fuori contesto, ma il coro le esegue con maestria.

Si replica fino al 23 giugno.

di Franco Nuccio (Ansa)

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684