Termovalorizzatori in Sicilia, Musumeci dà il via libera: ecco dove saranno realizzati - QdS

Termovalorizzatori in Sicilia, Musumeci dà il via libera: ecco dove saranno realizzati

web-la

Termovalorizzatori in Sicilia, Musumeci dà il via libera: ecco dove saranno realizzati

web-la |
venerdì 22 Aprile 2022 - 18:37

Lo ha detto il presidente della Regione in un filmato con cui su Facebook commenta le scelte del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, sui rifiuti. Dove saranno realizzati

La giunta regionale ha dato il via libera a due termovalorizzatori, uno in Sicilia occidentale e uno nel versante orientale dell’isola. Lo ha detto il presidente della Regione in un filmato con cui su Facebook commenta le scelte del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, sui rifiuti.

«Proprio ieri – afferma Musumeci – il nucleo di valutazione ha verbalizzato l’idoneità di due progetti: quello della Sicilia occidentale dovrebbe costare intorno a 647 mln; quello della Sicilia orientale poco meno di 400 mln».

«Adesso – aggiunge Musumeci – predisponiamo il bando, e, seguendo la procedura del project financing, chiediamo il convolgimento del privato. Siamo convinti che questa sia la soluzione. Assieme all’aumento della raccolta differenziata, non dimentichiamolo: ma tutto quello che rimane indifferenziato va nel termoutilizzatore, che produce energia, e così ci liberiamo della schiavitù delle discariche».

Nello Musumeci dunque legge il Quotidiano di Sicilia. Riprendendo quanto abbiamo denunciato oggi sulle colonne del nostro quotidiano (Clicca per leggere il pezzo) e cioè la politica “schizofrenica” del Pd in merito alla gestione dell’emergenza rifiuti (termovalorizzatori: a Roma sì, in Sicilia no), Musumeci sui social ha rimarcato “la doppia morale” dem.

Il no di Legambiente

«La scelta del Presidente Musumeci di volere gli inceneritori è scellerata e insostenibile, per l’ambiente e per le tasche dei siciliani. Come per quelli di Cuffaro, alla faccia della rottura con il passato, faremo di tutto per fermarli».

Lo afferma Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia. «Sui rifiuti, così come per le nuove trivellazioni alla ricerca di gas nel mare siciliano – prosegue – il presidente Musumeci continua ad offrire soluzioni vecchie, con una visione dello sviluppo e della sostenibilità superata da un paio di decenni. Oggi le priorità sono la raccolta differenziata, il riciclo di materia e l’economia circolare, ambientalmente ed economicamente di gran lunga preferibili sia alle discariche che agli inceneritori. Scegliere la strada degli inceneritori significa accettare che il tetto massimo di raccolta differenziata per la Sicilia sarà il 65%, molto al di sotto degli obiettivi fissati dall’Europa. Un’ipotesi inaccettabile, fatta da chi non ha più forza, serietà e autorevolezza e sceglie, quindi, scorciatoie propagandistiche.

Inoltre, visti gli anni che occorreranno per la loro eventuale realizzazione, non meno di 8, gli inceneritori di Musumeci non beneficeranno più dell’esenzione oggi prevista per le emissioni climalteranti dovute a incenerimento dei rifiuti. Quindi, i siciliani, oltre a pagare lo smaltimento in questi impianti (in mano ai privati) dei rifiuti prodotti e che la Regione ha deciso oggi di non voler più recuperare e riciclare, dovranno anche pagare nella Tari il costo delle emissioni dannose per il clima. Davvero una scelta lungimirante e conveniente!»

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684