Test di Medicina addio, selezione dal secondo anno - QdS

Test di Medicina addio, selezione dal secondo anno

redazione web

Test di Medicina addio, selezione dal secondo anno

domenica 24 Novembre 2019 - 14:14
Test di Medicina addio, selezione dal secondo anno

Lo prevede la Riforma allo studio della Commissione cultura e istruzione della Camera. Ogni anno interessati al test settantamila studenti italiani. E i ricorsi sono numerosissimi. Come sarà debellato il "business dei test"

Una rivoluzione annunciata quella che sta per annullare il sistema del numero chiuso in medicina e i conseguenti test ai quali sono interessati ogni anno settantamila studenti italiani, dieci volte più dei posti disponibili, fonte di continui ricorsi e proteste.

Negli ultimi cinque anni sono stati ventimila i giovani che hanno vinto i ricorsi presentati in tribunale, con una spesa non prevista di trentamila euro ciascuno per la laurea e centoventicinquemila per la specializzazione.

Da quest’anno, inoltre, il Consiglio di Stato sta ammettendo ai corsi chi ha presentato ricorso nei due anni precedenti.

I test, dunque, potrebbero sparire molto presto: nell’ambito della Riforma sulla medicina allo studio della Commissione cultura e istruzione della Camera sarà rivisto tutto, dall’orientamento nella scuola superiore alle specializzazioni.

La prima rivoluzione riguarderà l’orientamento, potenziato già a partire dal terzo anno delle superiori.

I ragazzi, infatti, potranno usufruire di corsi online con tanto di prova di autovalutazione per avere la piena consapevolezza delle loro capacità.

Questi corsi, pubblici e gratuiti, serveranno a debellare il cosiddetto “business dei test”, evitando che le famiglie debbano spendere per la preparazione di ogni candidato la media di cinquemila euro per corsi privati e libri.

A quanto si è appreso, dopo un corso di cento ore e la compilazione di moduli di autovalutazione, lo studente accederà direttamente al primo anno di medicina. E dopo un anno si svolgerà il test d’accesso al secondo anno.

Il primo anno sarà comune per medicina, odontoiatria, chimica e tecnologie farmaceutiche, farmacia, biologia e biotecnologia. Le lezioni saranno tutte teoriche evitando così di sovraffollare i laboratori.

I test d’ingresso – due o tre l’anno – saranno “a soglia”: chi avrà ottenuto un voto minimo entrerà sicuramente in una delle facoltà e i primi classificati entreranno in quella indicata come prima scelta.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684