TikTok, la videointervista della Zocco, "Accuse? Tutta invidia" - QdS

TikTok, la videointervista della Zocco, “Accuse? Tutta invidia”

Ivana Zimbone

TikTok, la videointervista della Zocco, “Accuse? Tutta invidia”

martedì 09 Febbraio 2021 - 15:18

I gravi problemi di salute, la quarantena e l'ingresso su TikTok. Così Ornella Zocco ha cominciato a conquistare una platea di bambini. Poi è arrivata la challenge incriminata e quello scotch sul volto l'ha obbligata a calare il sipario.

Ornella Zocco è diventata famosa grazie a TikTok e al videoclip “Bello pazzerello“, realizzato con la giovanissima cantante neomelodica Benny G. Nelle scorse settimane la Procura di Firenze l’ha accusata di istigazione al suicidio e le ha sequestrato due cellulari, oltre che impedirle l’accesso al suo account su TikTok.

Oggi, in una videointervista per QdS.it, racconta la sua verità e si commuove, tra sentimenti di rabbia e nuovi propositi. Ne approfitta per salutare i fan più affezionati e dedica a loro il ritornello del suo tormentone.

“I bambini sono il mio pubblico, accuse false”

Per l’influencer di Lentini le accuse infamanti sarebbero frutto d’invidia: “Non si capacitano del fatto che io abbia tanti seguaci, mi hanno accusato di ogni cosa possibile, dallo spreco di cibo – peraltro scaduto – al mancato rispetto delle norme anticovid“, dice.

E racconta di aver fatto ingresso nel mondo dei social durante la quarantena, di essere riuscita a conquistare una platea di giovanissimi, anche della fascia d’età 0-5 anni.

“Amo i miei bambini, tra loro tanti disabili, bimbi speciali a cui ogni giorno ho cercato di strappare un sorriso – aggiunge Zocco -. TikTok non mi ha fatto più pensare alla mia grave malattia e la mia camera 9 in ospedale era sempre gremita di gente. Ho fatto tornare la felicità anche a chi viveva in depressione e non voleva più vivere. Quest’inchiesta mi ha tolto quello che amo di più. Ignoro i commenti d’odio e invito da sempre tutti quelli che li subiscono a fare altrettanto. Non riuscirei a far del male a una mosca e non ho denunciato i leoni da tastiera, ma gli inquirenti potranno ben vedere la verità”.

Il video incriminato

La signora non sa ancora dalla Procura quale sia il video che le è costato l’accusa di istigazione al suicidio, ma presume possa riguardare la challenge promossa da un tik toker asiatico in cui i partecipanti dovevano fasciarsi il volto con il nastro adesivo.

Lei ha partecipato su invito di un bambino e, se potesse tornare indietro, non lo rifarebbe. A chi ha pensato potesse c’entrarci qualcosa con la morte della bimba di Palermo risponde che non è così e che questa triste pagina di cronaca l’ha fatta piangere.

Oltre che essere un’influencer, Ornella Zocco è anche mamma di tre figli che apprezzano la sua popolarità. Da madre riconosce i rischi del web e ritiene che i genitori debbano sorvegliare attentamente i loro figli affinché non cadano vittime di pericolose trappole.

Intanto attende con fiducia i nuovi sviluppi dell’inchiesta, certa di non aver agito con cattiveria, e riferisce che persino gli agenti polizia postale – che hanno dovuto eseguire il sequestro – le hanno mostrato tutta la loro comprensione.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684