Tool sharing, sbarca anche in Sicilia la nuova frontiera del lavoro - QdS

Tool sharing, sbarca anche in Sicilia la nuova frontiera del lavoro

Pietro Vultaggio

Tool sharing, sbarca anche in Sicilia la nuova frontiera del lavoro

martedì 10 Marzo 2020 - 00:00
Tool sharing, sbarca anche in Sicilia la nuova frontiera del lavoro

Produrre collaborando e condividendo gli strumenti. L’esempio arriva dagli impiantisti elettricisti. Una strada per lavorare all’avanguardia senza sostenere le spese di costose apparecchiature

PALERMO – Collaborazione e condivisione sembrano essere le parole del futuro, soprattutto se si tratta di produrre risparmio in campo lavorativo. Tools Sharing è un innovativo modo di fare impresa che consiste in una piattaforma online dove è possibile mettere migliaia di oggetti e quindi creare il più grande magazzino del mondo. Con questo metodo si dà la possibilità alle piccole imprese artigiane e agricole di entrare in un mercato finora del tutto inesplorato, quello dello sharing, cioè dell’affitto delle proprie attrezzature e dei propri macchinari, creando quindi delle nuove opportunità di lavoro.

Il servizio, nato a Pisa, sta arrivando anche in Sicilia ed è stato già attivato da Imprese Palermo in tutta la città metropolitana. E’ una iniziativa, nel capoluogo della Regione Siciliana, che nasce grazie alla categoria “Impiantisti elettricisti e termoidraulici”. Nello specifico, gli impiantisti che non hanno le forze economiche sufficienti per acquistare macchinari, dai prezzi a volte proibitivi, potranno d’ora in poi usufruire del Tools Sharing. L’associazione palermitana aiuta tutti gli associati a svolgere il proprio lavoro nel pieno rispetto delle normative e con gli strumenti più all’avanguardia sul mercato.

Una nuova strada, quindi, per consentire di lavorare bene, all’avanguardia e non dovendo necessariamente sostenere costi per apparecchiature che, magari, rischiano di essere utilizzate ben poco, non ammortizzando quindi eventuali spese eccessive.

“Il nostro impegno costante – dicono Giuseppe Pezzati e Giovanni Rafti, rispettivamente presidente e segretario di Confartigianato Palermo – è quello di agevolare la vita delle nostre imprese e l’attività dei nostri associati. Ci è sembrata un’ottima idea quella della condivisione delle attrezzature. Oltre a dare un vantaggio economico, diamo sicuramente una marcia in più anche in termini di qualità ed efficienza delle apparecchiature e quindi dei servizi che gli impiantisti offrono poi alla cittadinanza. Condivisione e rete d’impresa sono le carte vincenti di Confartigianato per crescere insieme”.

Risparmiare e guadagnare, due facce della stessa medaglia che spesso non vanno di pari passo. Un modello economico, un modo social di accesso ai beni e una tecnologia alla portata di tutti, combinati ad uno sharing basato su regole precise: conoscenza di tutte le caratteristiche di un bene o servizio; limpida comunicazione tra i soggetti coinvolti; sistemi di controllo incrociati; feedback e garanzie di pagamento.

“Conosciamo bene le esigenze di chi ogni giorno lavora e deve fare i conti con acquisti di macchinari dai costi a volte eccessivi o che comunque non si riescono ad ammortizzare facilmente – dichiara Claudio Terruso, presidente della categoria ‘Impiantisti’ di Confartigianato per la sezione elettricisti, che lavora al fianco di Ivan Donato, alla guida dei termoidraulici. Il Tools Sharing è un nuovo modo di lavorare, di produrre e di garantire alta qualità e massimo impegno. Siamo certi di aver trovato la strada vincente per facilitare il lavoro di tutti noi”.

Investire nello sharing rappresenta l’arma vincente per risollevare una economia tartassata da burocrazia e tasse. Parlare di “proprietà” è ormai un concetto superato, tutti adesso possono avere una macchina, una bici per spostarsi in città con prezzi convenienti ed anche il lavoro deve diventare una continua condivisione per dare respiro alle imprese.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684