Torna a vivere la tonnara di Favignana: pesca, turismo, tradizione e occupazione - QdS

Torna a vivere la tonnara di Favignana: pesca, turismo, tradizione e occupazione

Pietro Vultaggio

Torna a vivere la tonnara di Favignana: pesca, turismo, tradizione e occupazione

venerdì 24 Maggio 2019 - 00:05
Torna a vivere la tonnara di Favignana: pesca, turismo, tradizione e occupazione

Dopo vent’anni di divieto tassativo, vinta battaglia intrapresa per difendere l’eccellenza. L’imminente ripresa dell’attività equivale a nuova occupazione per circa 50 addetti

FAVIGNANA – A seguito del decreto dello scorso 17 aprile sulla campagna di pesca del tonno, emanato dal ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), l’azienda Castiglione ha avviato le operazioni di calo della tonnara di Favignana, dopo vent’anni di divieto tassativo.

“Ringraziamo il ministero per l’ottimo lavoro svolto – commenta l’imprenditore Filippo Amodeo, amministratore dell’azienda Nino Castiglione srl, primo produttore italiano di tonno in scatola”.
Una battaglia intrapresa per non far morire una antica tradizione. Nel novembre 2018, il Mipaaft ha accreditato l’azienda trapanese come soggetto in possesso dei requisiti tecnico-amministrativi per il calo della tonnara di Favignana, senza però definire la quota di pesca. Solo con l’ultimo decreto dello scorso 17 aprile sono stati chiariti i criteri di assegnazione.

“L’attuale distribuzione delle quote non garantisce la sostenibilità economica della tonnara. Il rischio imprenditoriale è molto alto – sottolinea Filippo Amodeo – ma la nostra ambizione è essere partner tecnico di amministrazioni locali e nazionali e, assieme a loro, dare dignità al nostro territorio attraverso la pesca sostenibile, l’indotto e il turismo, la ripresa degli antichi mestieri, le produzioni di eccellenza”.

Un plauso arriva anche dal sindaco delle Egadi, Pagoto: “La riapertura della tonnara è una straordinaria opportunità di lavoro per molti dei nostri giovani e per l’indotto, con in primo piano la tutela ambientale. Tutti noi volevamo vedere la tonnara tornare in vita, perché l’attività rappresenta un obiettivo dai risvolti importanti per lo sviluppo sia economico sia sociale”. La ripresa di questa attività equivale a occupare circa 50 addetti e significa anche recuperare la lavorazione e l’inscatolamento del tonno rosso del Mediterraneo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684