A Torrenova si riparte da Salvatore Castrovinci per crescere ancora - QdS

A Torrenova si riparte da Salvatore Castrovinci per crescere ancora

web-dr

A Torrenova si riparte da Salvatore Castrovinci per crescere ancora

web-dr |
giovedì 30 Giugno 2022 - 12:49

Salvatore Castrovinci, 44 anni, riconfermato per la terza volta sindaco di Torrenova con un plebiscitario 86,26 per cento di preferenze.

Quando si pongono quesiti ad un sindaco che si accinge ad intraprendere il suo terzo mandato, il compito di un giornalista, probabilmente, è un po’ più semplice. Così è per Salvatore Castrovinci, 44 anni, riconfermato il 12 giugno scorso, per la terza volta, primo cittadino di Torrenova, con un plebiscitario 86,26 per cento di preferenze.

Sindaco Castrovinci, la sua sarà la prosecuzione del lavoro iniziato dieci anni fa. A cosa è dovuto questo travolgente consenso?
“Credo che la risposta sia da ricercare in due elementi fondamentali: fatti concreti e promesse mantenute. Durante il mio secondo mandato sono state condotte in porto due opere importantissime, anche in termini di risorse finanziarie, 8 milioni di euro: il lungomare e il nuovo depuratore comunale. Ecco, penso che questi due interventi, da soli, abbiano influito in maniera decisiva sull’elettorato. Insieme a queste, poi, altre opere pubbliche hanno riguardato l’efficientamento energetico dell’asilo nido comunale e delle scuole dell’infanzia di via Meli e di contrada Serro Coniglio, mentre in questo periodo la scuola media di via Marconi è un cantiere a cielo aperto per i lavori di adeguamento sismico. Anche questo interessamento alla sicurezza dei nostri bambini ritengo abbia colpito in maniera positiva i miei concittadini che hanno ritenuto di riconfermarmi la loro fiducia”.

Il suo terzo mandato coincide con quella che possiamo definire l’“estate della ripresa”, dopo due anni di pandemia.
“A Torrenova siamo sempre stati abituati a proporre dei cartelloni estivi di tutto rispetto, con artisti importanti del calibro di Massimo Ranieri, Ermal Meta, Francesco De Gregori. Tutti eventi che contribuivano ad attirare a Torrenova tante persone che riempivano ristoranti, bar e tutte le attività ricettive in genere. Poi, ahimè, il Covid ci ha messo lo zampino. Quella di quest’anno è corretto definirla l’“estate della ripresa” e di, aggiungo, ritorno a una parvenza di normalità. Per quanto riguarda Torrenova, ovviamente, ci stiamo mettendo al lavoro solo adesso perché, per correttezza, prima delle elezioni non abbiamo approvato il bilancio di previsione. Tuttavia, l’intenzione è quella di predisporre un cartellone estivo che, sebbene non vedrà i soliti nomi di grido del panorama musicale (ma ancora, ricordiamocelo, il virus è tutt’altro che scomparso, dunque è normale che un’amministrazione comunale ci vada con i piedi di piombo ad organizzare assembramenti in piazza), comunque renderà felici in quest’anno di transizione i nostri concittadini e i turisti che sceglieranno Torrenova per il loro periodo di vacanza”.

Lei, lo scorso 12 giugno, ha sbaragliato gli altri due candidati che erano due donne. Ma come vedrebbe, Salvatore Castrovinci, un’interlocuzione al femminile a Palermo, nel dopo Musumeci? Insomma: se il prossimo Presidente di Regione fosse una donna?
“Be’, sarebbe un’idea innovativa e che accoglierei di buon grado. La mia esperienza di amministratore mi ha insegnato, in questi dieci anni, che le donne, soprattutto in politica, hanno una marcia in più e hanno la capacità di vedere le cose in maniera più obiettiva, serena ed equilibrata. E a dimostrazione che per me non è una frase fatta, la composizione del consiglio comunale di Torrenova: sette consiglieri su dodici saranno donne. Oltre alla presenza di un assessore donna in giunta. A prescindere, comunque, penso che le quote rosa non debbano essere un obbligo ma costituire la normalità”.

Valerio Barghini

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684