Tra i tanti problemi di Gela ci mancavano solo i vandali - QdS

Tra i tanti problemi di Gela ci mancavano solo i vandali

redazione

Tra i tanti problemi di Gela ci mancavano solo i vandali

martedì 12 Gennaio 2021 - 00:00
Tra i tanti problemi di Gela ci mancavano solo i vandali

Non bastassero le difficoltà legate all’emergenza Coronavirus, l’Amministrazione del sindaco Lucio Greco ha dovuto fare i conti anche con alcuni episodi contro l’ordine pubblico e il decoro urbano

GELA (CL) – Non è stato un inizio d’anno facile per la comunità gelese, alle prese con una pericolosa impennata dei casi di positività al Covid-19. Come se non bastassero le difficoltà legate all’emergenza sanitaria globale, l’Amministrazione comunale ha dovuto fare i conti anche con alcuni problemi legati all’ordine pubblico e alla cura del decoro cittadino.

“Prima le scritte sul lungomare – ha commentato il sindaco Lucio Greco – poi gli atti vandalici che hanno messo a soqquadro il centro storico, arrecando danni ai commercianti che si sono visti danneggiare tavoli, sedie e fioriere. La nostra città è finita nuovamente nel mirino di facinorosi che hanno danneggiato il patrimonio pubblico senza alcun ritegno e senza il minimo rispetto, forse convinti di essere i padroni della città”.

Il primo cittadino – e con lui tutta la squadra amministrativa – si è detto indignato per quanto successo in città e ha condannato queste azioni che, purtroppo, rappresentano soltanto le ultime di una lunga serie. Ma se è vero che da un lato tutto ciò merita una riflessione sul disagio giovanile e sociale, per l’Esecutivo comunale è altrettanto vero che questo dev’essere un passo successivo e che prima ci vogliono l’individuazione dei responsabili e pene esemplari.

“Non intendiamo tollerare gesti simili da parte di nessuno – ha sottolineato il primo cittadino – e sappiamo che ci sono già elementi utili per arrivare al riconoscimento di questi soggetti, tra cui delle immagini dei sistemi di videosorveglianza più che eloquenti. Confidiamo, quindi, nel lavoro delle Forze dell’ordine e speriamo che, non appena si sapranno nomi e cognomi di questi vandali, possano pagare e ripulire tutto”.

“Abbiamo fatto tanto – ha concluso il sindaco – per fare respirare alla città un minimo di atmosfera natalizia, nonostante l’emergenza Covid e invece questi balordi hanno perfino danneggiato gli addobbi e capovolto le campane natalizie installate in piazza Umberto. Danni sono stati rilevati anche nelle vie limitrofe al centro storico, in particolare in via Damaggio Fischetti”.

La battaglia contro l’inciviltà, dunque, continua anche in questo primo scorcio dell’anno nuovo.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684