Lucia Calì, morta la nota attivista antimafia dopo una lunga malattia - QdS

Lucia Calì, una vita dedicata alla lotta contro la mafia: morta l’attivista di “Libera”

webms

Lucia Calì, una vita dedicata alla lotta contro la mafia: morta l’attivista di “Libera”

webms |
venerdì 19 Agosto 2022 - 13:29

La donna, moglie dell'agente Salvatore La Porta (ferito della strage di Pizzolungo), era una nota attivista di "Libera" e da tempo denunciava l'orrore della mafia in Sicilia.

In provincia di Trapani, dopo una lunga malattia, è morta Lucia Calì, nota attivista antimafia per l’associazione “Libera, Sicilia contro le mafia”.

La città e tutti gli attivisti antimafia la ricordano con affetto attraverso vari messaggi di cordoglio, anche sui social. Lucia Calì era la moglie di Salvatore La Porta, agente di scorta del giudice Carlo Palermo e ferito dopo la strage di Pizzolungo del 2 aprile 1985.

Una tragedia che l’attivista custodiva nel proprio cuore e che l’aveva portata nel tempo a denunciare gli orribili atti della mafia in scuole, eventi e luoghi pubblici di ogni tipo.

Morta l’attivista antimafia Lucia Calì: il cordoglio

Tra i messaggi di cordoglio diffusi sui social c’è anche quello di “Vivi – Libera Memoria“: “Ricorderemo con tanto affetto e gratitudine Lucia Calì, che ci ha lasciati la scorsa notte dopo lunga malattia, stringendoci alla famiglia e condividendone il dolore. Lucia era la moglie di Salvatore La Porta, agente di scorta del giudice Carlo Palermo, rimasto gravemente ferito nella strage di Pizzolungo, il 2 aprile 1985. In quella strage, organizzata ai danni del giudice Palermo, persero la vita una giovane madre, Barbara Asta, e i suoi piccoli gemelli, Giuseppe e Salvatore”.

“Lucia, dal giorno del gravissimo attentato, si è impegnata nel contrasto alla mafia, portando la sua testimonianza in tanti luoghi ed esprimendo il suo profondo bisogno di verità sulla strage. Ciao Lucia”.

In molti la ricordano come una vera e propria “guerriera“, una donna forte e coraggiosa capace di portare avanti per tutta la vita il suo impegno per una società giusta e senza mafia.

Fonte immagine: profilo Facebook

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684