Tre start up catanesi alla conquista del mercato - QdS

Tre start up catanesi alla conquista del mercato

Chiara Borzi

Tre start up catanesi alla conquista del mercato

venerdì 18 Ottobre 2019 - 00:00
Tre start up catanesi alla conquista del mercato

Sono i progetti vincitori della business class competition 2019 Start Up Catania. Ora sperano di spiccare il volo. Ai tre gruppi, “Sistema IoT di monitoraggio di pressione nelle reti di acquedotto”, “Mitopharma” e “Brassicacee Smart & Healthy Food” i premi di 5mila, 3mila e 2mila euro. “Tra i criteri previsti dal bando: innovatività ed originalità dell'idea imprenditoriale, contenuto tecnico e tecnologico dell'idea, fattibilità di massima di quest’ultima

CATANIA – Sistema IoT di monitoraggio di pressione nelle reti di acquedotto, Mitopharma e Brassicacee Smart & Healthy Food sono i progetti vincitori della business class competition 2019 Start Up Catania.

Ai tre gruppi che sono riusciti ad emergere, tra gli otto, selezionati per partecipare alla finale organizzata nell’aula Concetto Marchesi del Palazzo della Cultura, sono stati consegnati assegni da 5 mila, 3 mila e 2 mila euro. I professori Rosario Faraci e Giuseppe Margani (Università di Catania), Ernesto D’Agata (Ordine dei Dottori Commercialisti di Catania), Fabio Scaccia (Farmitalia) e Santo Sciuto (Creval-Credito Siciliano) componevano il comitato tecnico-scientifico della competizione.

“In Start Cup Catania – spiega il professore Rosario Faraci – i premi per i primi tre classificati sono, di norma, sufficienti a coprire le spese di costituzione della start up. Ma non è sempre così: in altre competizioni, la premialità è un vero e proprio grant (una “concessione”) al quale si affianca un periodo di incubazione in una struttura specializzata. In quel caso, il grant è una somma in denaro importante che aiuta la start up di nuova costituzione nelle prime fasi di avvicinamento al mercato”.

Selezione stretta e a due fasi in Start Up per accedere alla finale catanese dello scorso 15 ottobre.

“I criteri previsti dal bando riguardavano innovatività ed originalità dell’idea imprenditoriale, contenuto tecnico e tecnologico dell’idea stessa, fattibilità di massima di quest’ultima, connessione con attività di ricerca, attrattività del mercato di riferimento, qualità e competenze del team – spiega ancora Faraci -. La seconda fase di Start Cup Catania è stata la vera e propria business plan competition.

Grazie ad un accordo sottoscritto nel 2014 con l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania, l’affiancamento ai team imprenditoriali è stato assicurato dai professionisti designati dall’Ordine ed è consistita nell’attività di mentoring e coaching, oltre che nell’assistenza vera e propria alla redazione del documento economico-finanziario programmatico”.

L’innovazione dei progetti Sistema IoT di monitoraggio di pressione nelle reti di acquedotto, Mitopharma Mimesis in silico medicine e Brassicacee Smart & Healthy Food è chiamata a competere ancora, tra circa 10 giorni, per le ultime fasi dell’evento. Cosa servirà per superare gli ultimi step?

“Competenze professionali del team, interesse del progetto per gli investitori, qualità e completezza delle informazioni contenute nel business plan e ovviamente la realizzabilità tecnica – spiega ancora il professore Faraci -. Anche questo è scritto nel bando, ma quando si passa dall’idea al progetto i criteri di selezione si fanno più stringenti. In palio, del resto, c’è l’avanzamento fino a Palermo per la finale di Start Cup Sicilia (28 ottobre) e da lì per la finale nazionale del PNI Cube che quest’anno sarà ospitata al Monastero dei Benedettini di Catania il 28 e 29 novembre.

Twitter: @ChiaraBorzi

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684