Castellammare del Golfo, si fingevano sordomute per truffare i turisti - QdS

Giovani e incinte, si fingevano sordomute per truffare i turisti: denunciate a Castellammare del Golfo

webms

Giovani e incinte, si fingevano sordomute per truffare i turisti: denunciate a Castellammare del Golfo

webms |
lunedì 27 Giugno 2022 - 11:22

Le due, fingendosi sordomute e attiviste per un'associazione benefica, avrebbero truffato passanti e turisti nei luoghi più frequentati di Castellammare del Golfo (TP).

I carabinieri della Sezione Radiomobile di Alcamo (TP) hanno denunciato due donne straniere di 22 e 27 anni. Le due, fingendosi sordomute, avrebbero truffato passanti e turisti nei posti più frequentati di Castellammare del Golfo.

La truffa ai turisti di Castellammare del Golfo

Le due cittadine romene, entrambe in stato di gravidanza, nei pressi di Corso Garibaldi a Castellammare del Golfo avrebbero finto di essere sordomute e avrebbero invitato ignari turisti a versare delle somme di denaro quale donazione in favore di una fittizia associazione benefica.

Dagli accertamenti degli inquirenti le donne, una incensurata e l’altra pregiudicata e già denunciata per fatti analoghi commessi in provincia di Trieste, dopo la consegna dei soldi, avrebbero fatto compilare alle loro vittime, con i dati anagrafici e importo versato, un prestampato con intestazione e dati della finta associazione. Questo per dare maggiore credibilità ai documenti usati dalle due finte sordomute per mettere in atto la truffa ai danni dei turisti a Castellammare del Golfo.

A seguito della perquisizione personale, i militari hanno trovato le due in possesso di 65 euro. Si tratta, presumibilmente, del provento delle truffe messe a segno. I carabinieri hanno proceduto, come previsto in questi casi, al sequestro sequestro del denaro versato dalle persone truffate.

Continuano le indagini dei carabinieri di Alcamo per cercare di risalire ad altre vittime colpite dalle presunte truffatrici.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684