Turismo congressuale in ripresa ma in Sicilia è rimasto fermo al palo - QdS

Turismo congressuale in ripresa ma in Sicilia è rimasto fermo al palo

Carmelo Lazzaro Danzuso

Turismo congressuale in ripresa ma in Sicilia è rimasto fermo al palo

giovedì 21 Luglio 2022 - 07:00

Sono troppe le occasioni perse, da Agrigento a Taormina, per valorizzare un comparto potenzialmente milionario. Ecco le strategie da cui ripartire

PALERMO – Segnali incoraggianti per l’industria dei congressi e degli eventi, che riparte dopo gli anni segnati dalle chiusure e dalla pandemia di Covid-19. Un settore che riprende a marciare, ma con spiccate differenze tra le varie zone d’Italia: la maggior parte dei congressi e degli eventi, il 65,2%, si è svolta infatti al Nord, il 21,8% al Centro, il 9,4% al Sud e appena il 3,6% nelle Isole. Per la Sicilia, insomma, la strada è tutta in salita.

Ma torniamo ai numeri, diffusi dall’Osservatorio italiano dei congressi e degli eventi (Oice) grazie a una ricerca dall’Alta scuola di Economia e Relazioni internazionali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (Aseri). Nel 2021 in Italia sono stati realizzati 86.438 eventi in presenza o in formato ibrido (partecipanti in parte in presenza e in parte collegati da remoto) registrando un aumento pari al 23,7% rispetto al 2020. I partecipanti in presenza sono stati 4.585.433 (+14,7% rispetto al 2020) e le presenze 6.798.425 (+16,3% rispetto al 2020).

A fronte di questi dati va comunque ricordato che le normative hanno reso possibile la realizzazione degli eventi in presenza solo dal primo luglio e con capienza ridotta sino al 2 dicembre. La ricerca ha preso in considerazione eventi e congressi con un minimo di dieci partecipanti ciascuno e della durata minima di quattro ore. La raccolta dei dati è avvenuta nel periodo febbraio-aprile 2022 e si è avvalsa di un questionario distribuito online a 5.443 sedi operanti in Italia nel settore dei congressi e degli eventi. Le risposte ottenute sono in grado di rappresentare in modo statisticamente significativo l’universo di riferimento a un livello di probabilità del 95% e con un errore massimo ammesso del 9,6%.

“Prima dell’improvvisa battuta d’arresto dovuta alla pandemia nel 2020 – si legge nella ricerca – il mercato italiano dei congressi e degli eventi registrava un tasso di incremento medio annuo del numero di eventi pari al 4,1%… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684