Censimento dell'architettura contemporanea e Università - QdS

Censimento dell’architettura contemporanea e Università

redazione

Censimento dell’architettura contemporanea e Università

mercoledì 22 Luglio 2020 - 00:00
Censimento dell’architettura contemporanea e Università

Grazie a un progetto del Mibact. Firmata la convenzione con la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali: “Un’opportunità di formazione”. Tra le prime tappe c’è l’attività di aggiornamento del Censimento nazionale delle architetture italiane

ROMA – La Direzione generale creatività contemporanea del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali hanno firmato una convenzione per realizzare il progetto di ricerca ‘Strumenti e metodi per la conoscenza, la tutela e la valorizzazione dell’architettura contemporanea’, nell’ambito del più ampio accordo quadro stipulato a novembre 2019 tra il Segretariato Generale del Mibact e la Fondazione stessa.

“Siamo molto soddisfatti della sinergia creatasi con la Fondazione scuola dei beni e delle attività culturali, con cui lavoreremo a un progetto ambizioso per la conoscenza e la tutela dell’architettura contemporanea, che è parte rilevante del patrimonio culturale del nostro Paese”, afferma l’architetto Margherita Guccione, Direttore Generale Creatività Contemporanea, che aggiunge: “È anche un’opportunità di testare un nuovo modello di formazione innovativo e sperimentale”.

Tra le prime tappe del progetto c’è l’attività di aggiornamento del Censimento nazionale delle architetture italiane del secondo Novecento. Il Censimento, fondamentale strumento di indagine, inventariazione e catalogazione, avviato nel 2002 e in continuo aggiornamento, è consultabile su una piattaforma dedicata promossa dalla Dg Creatività Contemporanea. Il Censimento nazionale delle architetture italiane del secondo Novecento è una mappatura dell’architettura contemporanea su tutto il territorio nazionale, fondata su una metodologia di schedatura unificata e su criteri di selezione omogenei per tutto il territorio ed è realizzata con il coinvolgimento delle Università e delle strutture periferiche del Ministero.

Per la promozione e la valorizzazione dei contenuti del Censimento nazionale delle architetture italiane del secondo Novecento, si è sviluppata la piattaforma Atlante Architettura Contemporanea, anch’essa pro-mossa dalla Dg Creatività Contemporanea, con l’obiettivo di raccontare le trasformazioni urbane e territoriali dell’Italia del secondo Novecento, attraverso lo sguardo originale di fotografi di architettura.

“Una nuova importante collaborazione con il Mibact attraverso la Direzione Generale Creatività Contemporane” afferma Carla di Francesco, Commissario Straordinario per la Fondazione Scuola dei benie delle attività culturali “che ci consente di sviluppare linee di ricerca e di formazione strategiche nella nostra attività. L’aggiornamento del Censimento nazionale delle architetture italiane del secondo Novecento rientra in un progetto di ricerca di ampio respiro che ci vede impegnati in una riflessione sistemica sui temi cogenti della tutela e dell’architettura contemporanea. E in coerenza con il modello di intervento della Fondazione, l’attività di ricerca alimenterà e germinerà l’attività di formazione”.

Per l’aggiornamento e la revisione del Censimento nazionale delle architetture del secondo Novecento, la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, nell’ambito della convenzione firmata con laDirezione Generale Creatività Contemporanea che sostiene il progetto, lancerà a settembre 2020 un avviso per la selezione di sei specialistio dottori di ricerca in materie afferenti l’architettura contemporanea, che si dovranno occupare di aggiornare i dati di circa 4.300 schede e di normalizzarli sulla base di criteri uniformi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684