Vacanze 2022 e covid: come non perdere i soldi del viaggio se si è positivi

Vacanze 2022 e covid: ecco cosa fare per non perdere i soldi del viaggio

web-mp

Vacanze 2022 e covid: ecco cosa fare per non perdere i soldi del viaggio

web-mp |
lunedì 04 Luglio 2022 - 15:56

Molti italiani sono preoccupati di cosa possa succedere alle loro vacanze se dovessero infettarsi poco prima di partire per le ferie. Ecco tutti i consigli utili

Ammalarsi di Covid, prima di partire, fa paura. L’estate è arrivata e la curva dei casi di Covid ha ripreso a salire.

Il ritorno in piena estate del coronavirus preoccupa molti italiani pronti a organizzare o che stanno per partire in vacanza. La paura peggiore è scoprire di essere positivi in prossimità della partenza per le ferie o durante la vacanza. E poi la conseguenza di perdere tutti i soldi investiti nella vacanza. Niente paura. Il Codacons ha stilato un vademecum con le regole da seguire: ecco i principali consigli.

Cosa fare se si scopre di avere il Covid prima della partenza?

In questi casi, cioè nel caso di viaggio disdetto per cause di forza maggiore, si ha diritto a un rimborso, come dice anche il Codacons, che ha approntato una sorta di vademecum. “In base alle regole del Codice civile la sopraggiunta impossibilità di usufruire della prestazione concordata e pagata, per motivi di necessità o forza maggiore, prevede il rimborso obbligatorio da parte del fornitore. Una regola valida nel caso in cui non si possa usufruire di trasporti, soggiorni, pacchetti vacanza e altri servizi già acquistati”

Chi contattare in caso di positività?

Come spiega l’Associazione dei consumatori, “occorre chiamare le strutture ricettive, agenzie di prenotazioni, tour operator o agenzia di viaggi presso cui abbiamo acquistato i servizi, aprendo una segnalazione sulla malattia allegando l’esito del tampone e certificato medico, e avviare la richiesta di rimborso”

Volo aereo perso per positività Covid

In queste circostanze occorre seguire quanto riportato sui siti delle diverse società. Tuttavia, come spiega sempre il Codacons, “in caso di positività al Covid, il passeggero ha diritto al rimborso del costo del biglietto aereo nello stesso mezzo di pagamento utilizzato in occasione dell’acquisto”.

Volo cancellato per positività membro equipaggio

Se invece il volo dovesse essere cancellato dalla compagnia aerea a causa della positività di un membro dell’equipaggio, “il passeggero ha diritto ad una compensazione pecuniaria che va da 250 a 600 euro”.

Rimborsi

Molti operatori però rifiutano di concedere i rimborsi, preferendo la via dei voucher oppure applicando delle fantasiose penali. Una pratica scorretta secondo il Codacons. “I consumatori non devono cadere in errore: devono pretendere la restituzione integrale di quanto pagato”.

Voucher

Per i voucher valgono ancora le regole emanate con il decreto “Cura Italia” del 2020, che prevedeva espressamente i voucher come soluzione per le disdette turistiche. “È bene che il viaggiatore chieda sempre il rimborso in denaro. Poi può scegliere di valutare di prendere un voucher, se gli viene offerto”, sottolinea Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori, in un’intervista alla Dire.

I termini dei voucher emessi da operatori turistici sono perciò predefiniti: se in precedenza era di soli 12 mesi, oggi la validità è stata portata prima a 18 mesi, successivamente a 24 e infine, con un emendamento al Decreto-legge Milleproroghe, agli attuali 30 mesi. Molti operatori consentono inoltre la cessione a terzi.

Per quanto riguarda i trasporti resta valida la durata di 30 mesi del voucher ma risulta possibile chiedere il rimborso già dopo un anno dall’emissione. Per qualunque tipo di buono, nel caso in cui si richieda il rimborso, l’operatore è obbligato a rimborsarlo entro 14 giorni dalla scadenza.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001