Vaccini, Presidente ematologi, i rischi morte Covid sono più alti - QdS

Vaccini, Presidente ematologi, i rischi morte Covid sono più alti

Web-mp

Vaccini, Presidente ematologi, i rischi morte Covid sono più alti

Web-mp |
martedì 06 Aprile 2021 - 17:40

Corradini:"la possibilità di incorrere in un evento grave a causa di Covid-19 è molto più alta rispetto al rischio di eventi collaterali gravi legati al vaccino".

Tutti i farmaci “hanno effetti collaterali e comportano un margine di rischio“. A sottolinearlo è Paolo Corradini, presidente della Società italiana di ematologia (Sie), che lancia un appello affinchè ci si continui a vaccinare

Corradini avverte che “il rischio di decesso a causa dell’infezione da Covid-19 è certamente più alto e la stessa malattia da Covid, nei casi più gravi, può determinare trombosi in una percentuale maggiore rispetto al rischio bassissimo collegato al vaccino”.

“L’aspirina, ad esempio – prosegue il presidente Sie-, ha sicuramente effetti collaterali con un frequenza maggiore di quella segnalata per il vaccino anti-Covid di AstraZeneca, ma continuiamo ad utilizzarla quando indicato”.

Una questione di rischio-beneficio che vale anche per gli altri farmaci e per la Medicina in generale: “Ad esempio, episodi di sanguinamento gastrointestinale legati all’uso dell’aspirina e che possono essere banali ma anche seri – afferma il presidente Sie – si verificano in media in 2 persone ogni mille l’anno che ne fanno uso.

Se pensiamo che la frequenza di trombosi nella popolazione generale è pari a 1.07 per mille persone e che gli eventi trombotici rari segnalati dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca hanno una frequenza di 1.07 per milione, si capisce come la frequenza di eventi avversi legati all’aspirina e che possono essere anche gravi sia superiore”.

Il punto, rileva Corradini, è che comunque in Medicina “tutto ha un rischio.

Ciò non significa sminuire i casi di eventi avversi che possono verificarsi, ma valutare appunto il rischio-beneficio.

Nel caso della pandemia da Covid, sappiamo che solo vaccinando si possono evitare centinaia di morti per questo virus“.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684