Catnia, omicidio Valentina Giunta, il racconto della cugina

Catania, Valentina Giunta uccisa a coltellate dal figlio, la cugina: “È successo ciò che sapevo”

web-mp

Catania, Valentina Giunta uccisa a coltellate dal figlio, la cugina: “È successo ciò che sapevo”

web-mp |
venerdì 29 Luglio 2022 - 09:08

È con un lungo post che accompagna l'ultima foto insieme, mentre mangiavano un gelato, che Cristina Bonanzinga ha voluto rendere omaggio alla cugina sui social

Non riesce a rassegnarsi, Cristina Bonanzinga, la cugina di Valentina Giunta, assassinata a Catania dal figlio a coltellate alla gola e alla schiena, forse al culmine di una lite.

In una intervista rilasciata al Corriere della Sera, la cugina di Valentina, quasi una sorella per la donna uccisa a Catania, dichiara: “In famiglia sapevamo che correva dei rischi ed avevamo paura, per questo la incitavamo ad andare via”.

La cugina di Valentina Giunta, confessa: “E’ successo ciò che sapevo”

“Quello che è successo era prevedibile, ce lo aspettavamo, per questo non la lasciavamo mai sola – aggiunge. – Sapevo che prima o poi quel figlio che lei amava le avrebbe fatto del male”. E racconta di appostamenti, aggressioni fisiche subite dal padre di Valentina, finito per questo in ospedale, e di danneggiamenti. E ancora delle denunce per i messaggi minacciosi ricevuti da numeri anonimi, ma poi ritirate.

Le due cugine cresciute come sorelle

“Quando Valentina è stata uccisa ero a Pavia; prima di partire le avevo detto di venire con me ma voleva sistemare le ultime cose per la vendita della casa”, ricorda Cristina Bonanzinga, cugina sì di Valentina Giunta ma cresciuta con lei come una sorella. “Devo fare i conti con tutta la rabbia che ho dentro – aggiunge, – c’erano stati tanti, troppi segnali; il figlio maggiore era stato totalmente plagiato dalla nonna paterna con la quale viveva mentre padre e nonno sono in carcere”.

Il figlio violento e un odio profondo contro la madre

“Il ragazzo – sottolinea la cugina a Il Corriere della Sera – aveva sviluppato un odio profondo nei confronti della madre e, come suo padre, non accettava che volesse rifarsi una vita andando via da Catania con il fratello minore di 10 anni. Si era schierato dalla parte del padre, che idolatrava”.

Le minacce e gli avvertimenti del marito in carcere contro Valentina

Dal canto suo, “suo marito dal carcere, dove si trova per furti d’auto e tentato omicidio, la minacciava con messaggi anonimi che le faceva arrivare da numeri non rintracciati; auto rigata; appartamento distrutto dalla spedizione punitiva dei parenti dell’ex; mio zio pestato a sangue sempre dai parenti e portato in ospedale con il setto nasale rotto…”.

“Noi famigliari vogliamo risposte dalla giustizia, – conclude, – e ora abbiamo due obiettivi: salvare il figlio minore di Valentina da un contesto deviato e deviante e accertare la verità fino in fondo: chi ha armato di odio la mano di un ragazzino?”.

L’ultima foto insieme e il messaggio d’addio sui social

“A te che con i tuoi grossi problemi pensavi a darmi supporto, a te che ieri sei venuta per darmi forza, a te che sei stata sfortunata voglio solo dirti che ti voglio tanto bene e che spero che adesso abbia trovato la pace che ti mancava da troppo tempo”. È con un lungo post che accompagna l’ultima foto insieme, mentre mangiavano un gelato, che Cristina Bonanzinga ha voluto rendere omaggio alla cugina sui social.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001