Variante Omicron, "Arriva via posta, non comprate all'estero", il caso - QdS

Variante Omicron, “Arriva via posta, non comprate all’estero”, il caso

web-iz

Variante Omicron, “Arriva via posta, non comprate all’estero”, il caso

web-iz |
lunedì 17 Gennaio 2022 - 14:28

Le raccomandazioni delle autorità cinesi alla popolazione.

Non ordinare niente dall’estero. E’ l’invito che le autorità cinesi rivolgono agli abitanti del gigante asiatico, l’ultima “misura estrema” – scrive il ‘Guardian’ – per contenere i contagi da covid e soprattutto dalla variante Omicron a pochi giorni dall’apertura, il 4 febbraio, dei Giochi olimpici invernali di Pechino.

Un’allerta scattata in vista del capodanno cinese dopo che le autorità, che insistono sulla strategia ‘zero contagi’, hanno sostenuto che il recente caso di Omicron accertato nella capitale del Dragone sia collegato a un pacco arrivato dall’estero. Dito puntato contro il Canada.

Pechino, il presunto pacco contaminato

“Non si può escludere che il primo caso di trasmissione locale di Omicron a Pechino” sia un’infezione “contratta con le spedizioni internazionali”, scrive l’agenzia ufficiale Xinhua citando Pang Xinghuo, vice direttore del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie di Pechino.

Secondo la ricostruzione della Xinhua, la persona risultata positiva ha ricevuto un pacco l’11 gennaio spedito dal Canada via Stati Uniti e Hong Kong e non ha viaggiato nei 14 giorni precedenti la comparsa dei sintomi. Secondo Pang, sono state rilevate tracce del virus sul pacco. E, scrive la Xinhua, dal sequenziamento non emergono collegamenti con le infezioni accertate in passato a Pechino o con quelle collegate alla variante Omicron in altre zone della Cina, mentre c’è “un’elevata somiglianza” con ceppi isolati in Nord America e a Singapore lo scorso dicembre.

Le raccomandazioni delle istituzioni

Così, riporta il Guardian, Liao Linzhu, vice direttore delle Poste di Pechino, ha invitato la popolazione a “non comprare prodotti all’estero”. Mentre Pang ha ricordato che “Omicron si trasmette rapidamente”, ha richiamato all’attenzione e a “evitare di acquistare prodotti all’estero”, a “indossare i guanti e a non portare i pacchi in casa”. “Se necessario – ha aggiunto – pulite il pacco con l’alcool e lavatevi le mani”. Il gigante asiatico ha confermato di aver individuato il 9 dicembre un primo caso di variante Omicron a Tianjin.

(Adnkronos)

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684