Variante Omicron, "Raggiungerà tutti, distingueremo positivi e malati" - QdS

Variante Omicron, “Raggiungerà tutti, distingueremo positivi e malati”

web-iz

Variante Omicron, “Raggiungerà tutti, distingueremo positivi e malati”

web-iz |
domenica 16 Gennaio 2022 - 19:05

Per il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, "non c'è scampo". L'Omicron "raggiungerà tutti". Ecco chi finisce in terapia intensiva

La variante Omicron è ormai dominante in Sicilia. Per il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, è destino comune contrarre il virus. A fare la differenza tra positivi e malati, ci sarà la vaccinazione.

Variante Omicron: “Raggiungerà tutti, non c’è scampo”

“La variante Omicron raggiungerà tutti, non c’è scampo. Non c’è dubbio che entro la fine del 2022, salvo un’altra variante, io credo che quasi tutta la popolazione bene o male incontrerà questa variante”. Il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, risponde così a Domenica In, su Rai1. “Raggiungerà tutti. Poi c’è chi è vaccinato e chi non è vaccinato, che avrà problemi – dice Sileri -. Se non arriva un’altra variante, entro la fine del 2022 quasi tutta la popolazione bene o male avrà incontrato questa variante”.

Ma l’Omicron sarà dominante anche nel prossimo futuro? “Dovremo convivere con un virus. Non so se la Omicron sarà la variante dominante. Ogni quanto dovremo vaccinarci? Ce lo dirà la scienza. E’ probabile che serva un upgrade del vaccino che abbiamo, è possibile che ci siano altre varianti”, prosegue.

L’ipotesi del “bollettino con distinzione tra positivi e malati”

Negli ultimi giorni, il dibattito si è sviluppato sulla possibilità di modificare il bollettino quotidiano dei dati e in particolare sulla distinzione tra ricoveri di malati e di positivi. “Sono d’accordo sulla necessità di una revisione che potrà essere fatta entro un paio di settimane con la distinzione tra positivi e malati“, afferma.

Chi finisce in terapia intensiva

“Oggi circola ancora la variante Delta, si va in terapia intensiva anche con la variante Omicron. In terapia intensiva vanno anche vaccinati, ma sono persone fragili, con molte patologie o che hanno fatto la seconda dose molte mesi fa. Chi non è vaccinato va in terapia intensiva con molta più facilità, anche con un’età inferiore di 10-12 anni rispetto ai soggetti vaccinati” che hanno bisogno delle cure in area critica.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684