Variante Omicron in Sicilia all'80%, quando è previsto il picco - QdS

Variante Omicron in Sicilia all’80%, quando è previsto il picco

web-iz

Variante Omicron in Sicilia all’80%, quando è previsto il picco

web-iz |
domenica 16 Gennaio 2022 - 16:12

La variante Omicron è ormai dominante in Sicilia. Ma il peggio dovrebbe ancora arrivare.

La variante Omicron è ormai dominante in Sicilia, dove domani riapriranno le scuole. Crescono i contagi, ma il peggio deve ancora arrivare, almeno secondo le previsioni.

Quando arriverà il picco

In Paesi come l’Italia, il picco di Omicron sarà raggiunto in “due-tre settimane” e “poi comincerà a scendere”. E’ quanto afferma il direttore regionale dell’Oms per l’Europa, Hans Kluge, ospite di Lucia Annunziata a ‘Mezz’ora in più’ su Raitre. Il picco dell’ondata di Omicron, spiega, “terminerà prima di quanto previsto” e in Paesi come il Regno Unito e Malta è già stato raggiunto.

Non si può scappare dalla variante“, ribadisce Kluge, che cita previsioni in base alle quali, “visto il numero di persone non vaccinate”, si stima che “tra gennaio e maggio 40 paesi su 53 prima o poi subiranno un elevato stress” sulle strutture sanitarie, a causa dell’elevato numero di ricoveri e di terapie intensive occupate, e per il contagio degli addetti alla sanità”. Questo è un “momento cruciale”, afferma Kluge. “E’ importante che Paese per Paese si valuti o rivaluti il protocollo dei tamponi e della quarantena”. “Questa è una fase nella quale si deve passare alla “riduzione dei ricoveri e dei decessi, ma non più della trasmissione. Dobbiamo evitare problemi sanitari a scuole e economia”.

Come ottenere l’immunità

“Nessuno può sfuggire al Sars-Cov2” ribadisce. Kluge si dice “più dalla parte dell’ottimismo”, ma da quello che vediamo, l’immunità si ottiene o attraverso il vaccino, oppure col contagio naturale, a causa della altissima velocità di trasmissione di Omicron“.

Per questo, insiste, “è molto importante che si decida per la vaccinazione”, perché ci sono le prove che le persone vaccinate “hanno 10 volte meno probabilità di sviluppare malattie gravi o morire”. Kluge ha quindi sottolineato l’importanza di effettuare la terza dose del vaccino, “che non è un lusso”, come invece rilevato dal altri esponenti dell’Oms, e dell’accesso ai farmaci antivirali.

La strategia del ministro Speranza

La “traiettoria” seguita dal ministro della Salute Roberto Speranza per fronteggiare l’ondata di Omicron “è quella giusta”. Kluge ha sottolineato quindi “la vaccinazione, le dosi booster, l’uso delle mascherine” e “il grande monitoraggio e l’accesso ai farmaci antivirali”. Per Kluge, inoltre, “è importantissimo che le scuole siano le ultime a chiudere e le prime a riaprire”. In questa fase della pandemia, dice, “serve sia una leadership politica che responsabilità civile”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684