Verso un’influenza super aggressiva a rischio14 milioni di italiani - QdS

Verso un’influenza super aggressiva a rischio14 milioni di italiani

redazione

Verso un’influenza super aggressiva a rischio14 milioni di italiani

martedì 01 Ottobre 2019 - 00:00
Verso un’influenza super aggressiva a rischio14 milioni di italiani

Allerta del dipartimento Sanità Università Federico II. Importante vaccinarsi e prendere le dovute precauzioni per evitare i contagi

NAPOLI – “Prepariamoci ad un’influenza che quest’anno sarà particolarmente insidiosa. Anche se si prevede un numero inferiore di contagi rispetto allo scorso anno, è molto probabile che i virus saranno ben più ostici quanto a complicanze”.

L’allerta arriva da Maria Triassi del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Università Federico II di Napoli che spiega: “I rischi maggiori saranno legati alle nuove varianti di virus A, H3N2 e H1N1, ma non mancheranno i virus B/Colorado e B/Phuket. Un mix che metterà ko circa 6 milioni di italiani, ma saranno almeno altri 8 milioni quelli che dovranno fare i conti con quelli che si definiscono virus simil-influenzali”.

Da qui l’invito a prendere in seria considerazione l’ormai prossima campagna vaccinale, anche perché l’arrivo del picco influenzale rischia di mettere pesantemente sotto stress il sistema ospedaliero pubblico.

“Vaccinarsi non è solo una buona norma di prevenzione – ricorda l’esperta – ma è anche un dovere nei confronti della collettività”.

Triassi ricorda che l’influenza, troppo spesso sottovalutata, costituisce in realtà un serio problema di sanità pubblica e una notevole fonte di costi diretti e indiretti per la gestione dei casi e delle complicanze della malattia e l’attuazione delle misure di controllo.

L’esperta ricorda che restano validi i buoni consigli di sempre ovvero: “lavare e asciugare regolarmente le mani, coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, con fazzoletti monouso da smaltire correttamente. Cercare di evitare di stare a contatto con chi presenta sintomi influenzali ed evitare di toccarsi occhi, naso o bocca”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684