Workshop di “Ris.Contr.O”, ci pensa il “Semplifisco” a trovare gli evasori - QdS

Workshop di “Ris.Contr.O”, ci pensa il “Semplifisco” a trovare gli evasori

Luigi Solarino

Workshop di “Ris.Contr.O”, ci pensa il “Semplifisco” a trovare gli evasori

giovedì 18 Luglio 2019 - 01:00
Workshop di “Ris.Contr.O”, ci pensa  il “Semplifisco” a trovare gli evasori

Il progetto della fondazione Ifel dell’Anci è già stato applicato in altri Comuni con molto successo. Nascerà anche una community dove tutti gli Enti potranno apportare i propri contributi

SIRACUSA – Si è svolto presso l’Urban Center aretuseo il workshop intermedio di “Ris.Contr.O”, il progetto della fondazione Ifel dell’Anci finalizzato ad individuare gli evasori che è già stato applicato con successo in altri enti locali.

All’incontro hanno preso parte i rappresentati delle istituzioni che cedono gli strumenti e le loro esperienze e quelli dei comuni che, invece, li acquisiranno. Tra gli Enti cedenti erano presenti il Dipartimento per gli affari regionali e autonomie della Presidenza del consiglio dei ministri, l’Ifel, il comune di Lucca e l’Unione dei comuni modenesi di area nord; tra quelli che stanno accogliendo le buone pratiche i comuni di Siracusa (capofila), Ascoli Piceno, Firenze, Pescara, Pollica (Salerno), Ugento (Lecce) e Venezia.

Per il Comune di Siracusa hanno presenziato il primo cittadino, Francesco Italia, il dirigente del settore Tributi, Rosario Pisana, i funzionari dell’Ufficio innovazione, guidati da Giuseppe Di Guardo, che in questi mesi si sono interfacciati con l’Ifel per la messa a punto del sistema antievasione. Il progetto prevede che il processo di trasferimento debba avvenire entro il prossimo 30 novembre per poi passare alla fase operativa. “Ris.Contr.O”, finanziato con i fondi UE 2014-2020, sarà confermato anche in futuro. Argomento principale della discussione è stato il sistema “Semplifisco” messo a punto e perfezionato in questi anni.

La buona pratica combina una soluzione tecnologica, costituita da un sistema di aggregazione e analisi dei dati locali e nazionali, nelle disponibilità dei comuni, e una soluzione organizzativa in grado di ridefinire ruoli, responsabilità e operatività degli uffici dell’amministrazione comunale per il contrasto all’evasione fiscale e la riscossione locale dei tributi.

Inoltre nascerà una community all’interno della quale tutti gli enti aderenti apporteranno i propri contributi, condividendo o fruendo dei miglioramenti evolutivi e delle esperienze maturate. “Semplifisco” aggrega oltre 60 banche dati comunali e nazionali, che sono nella disponibilità dei comuni, per individuare i casi di evasione su tributi locali ed erariali, potenziando la capacità di accertamento, e per gestire le informazioni sui debitori (patrimoni detenuti e aggredibili) e i dati di monitoraggio, potenziando la capacità di riscossione.

Il sindaco Italia ha dichiarato: “Dopo un lungo percorso iniziato nel maggio dello scorso anno, che noi abbiamo voluto con convinzione, cominciamo a vedere le possibilità di applicazione dei nuovi strumenti. Individuare chi evade le tasse godendo però dei servizi pagati da altri è un fatto di giustizia sociale e oggi disponiamo di mezzi tecnologici e di informazioni per essere efficaci. I tagli ai trasferimenti da Stato e Regione obbligano i comuni e i cittadini a un maggiore senso di responsabilità specie quando l’evasione, come nel caso della Tari e dei rifiuti, riguarda servizi che incidono sul benessere di tutti”.

Nei prossimi mesi il progetto, fino alla sua conclusione fissata per il 30 novembre 2019, proseguirà le attività di accertamento a favore degli Enti partner e attiverà le procedure di riscossione grazie al ruolo operativo di affiancamento degli Enti cedenti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684