Baldo Gucciardi assicura: "A breve assunzioni a tempo indeterminato" - QdS

Baldo Gucciardi assicura: “A breve assunzioni a tempo indeterminato”

Redazione in collaborazione con Cimo

Baldo Gucciardi assicura: “A breve assunzioni a tempo indeterminato”

giovedì 15 Giugno 2017 - 12:00
Baldo Gucciardi assicura: “A breve assunzioni a tempo indeterminato”

L’impegno dell’assessore regionale alla Salute dopo l’appello di Cimo

Nei giorni scorsi la Segreteria regionale della Sicilia di Cimo, il sindacato dei medici, aveva inviato una nota di allarme all’assessore regionale della Salute, Baldassare Gucciardi, sottolineando come, a più di due mesi dalla firma del Decreto assessoriale che ha varato la nuova Rete ospedaliera, ancora non ci sia stato l’atteso sblocco delle assunzioni a tempo indeterminato.
Cimo aveva anche segnalato e chiesto di verificare alcune criticità emerse dopo la presentazione da parte dei Direttori generali di Aps e Aziende ospedaliere siciliane di atti aziendali e dotazioni organiche, in particolare le eccedenze dichiarate all’Ospedale Papardo di Messina. A stretto giro l’assessore Gucciardi ha ricevuto una delegazione Cimo, guidata dal segretario regionale, Riccardo Spampinato, accompagnato dai consiglieri regionali Antonio Iacono e Giuseppe Bonsignore, per provare a far chiarezza sulle perplessità e i dubbi sollevati.
La Cimo si era fatta interprete dei timori del popolo dei precari, stanco di vedersi sventolare sotto al naso le solite promesse che finora hanno solamente avuto il sapore della beffa, reiterate negli anni e mai concretizzatesi. Inoltre aveva sollevato il problema delle paventate eccedenze dichiarate nelle scorse settimane al Papardo di Messina, che rischierebbero di bloccare l’intero iter delle assunzioni a tempo indeterminato.
Durante il lungo confronto tenutosi nel pomeriggio del 13 giugno, l’assessore Gucciardi ha voluto rassicurare i rappresentanti sindacali di Cimo dichiarando di aver proceduto alla verifica della ricollocabilità delle figure in eccedenza dichiarate dal Papardo di Messina, e di aver ottenuto la più ampia disponibilità circa il loro eventuale assorbimento da parte del Bonino Pulejo e dalla Asp messinese. Nessun pericolo di esuberi quindi nella provincia peloritana e di conseguenza nessun rischio di blocco delle procedure assunzionali tanto attese.
L’assessore ha tenuto a far chiarezza anche sullo stato dell’arte degli atti aziendali. Sono già pronti i relativi Decreti assessoriali di approvazione dei documenti di allineamento al D.A. 629 del 31 marzo scorso, già presentati dai vari direttori generali e a breve saranno pubblicati in Gazzetta ufficiale. Pur non essendo tali atti aziendali quelli definitivi, i Decreti assessoriali rappresentano, a detta dell’assessore, una presa d’atto formale grazie alla quale, dopo la successiva approvazione delle dotazioni organiche ancora al vaglio degli uffici di Piazza Ottavio Ziino, si potrà dare il via alle prime procedure assunzionali, “sicuramente attraverso lo scorrimento delle graduatorie concorsuali vigenti e relative ai posti già presenti nelle vecchie dotazioni organiche”.
Ma, come si è detto, gli atti aziendali che verranno decretati e pubblicati in Gazzetta nei prossimi giorni, non saranno quelli definitivi. Gucciardi ha chiarito che, “come già chiaramente messo nero su bianco nella Circolare del 18 aprile 2017”, ai Direttori generali era stato dato esplicito mandato di “formulare proposte migliorative finalizzate ad un più adeguato soddisfacimenti dei bisogni assistenziali dei rispettivi territori”, ma qualcuno è in ritardo rispetto alla tabella di marcia fissata dall’Assessorato.
Nel giro di pochi giorni però, sostiene sempre l’assessore della Salute, il processo verrà completato e a quel punto, l’assessore potrà procedere alla convocazione delle OO.SS. per singolo bacino per verificare la congruità del lavoro presentato ed accogliere le eventuali osservazioni di parte sindacale. Tale iter, a detta di Gucciardi, dovrebbe concludersi entro la fine del mese di giugno e ad esso seguiranno ulteriori Decreti assessoriali che porteranno, dopo lo scorrimento delle vecchie graduatorie, anche e finalmente allo sblocco di tutte le altre procedure di reclutamento del personale medico, infermieristico e tecnico sanitario. In altre parole, l’assessore ha annunciatoche già a luglio 2017 potrà aver il via la stabilizzazione dei precari, specificando che questa riguarderà sia i contratti a tempo determinato che i Co.Co.Co e i Co.Co.Pro con almeno 3 anni di servizio espletato negli ultimi 5 anni a far data dalla pubblicazione del Bando concorsuale.
Infine Gucciardi è intervenuto anche sulla polemica riguardante la “scomparsa” dalla Rete Ospedaliera della Odontoiatria Speciale per i disabili, etichettata come mero “refuso” già in fase di correzione con il suo inserimento nell’atto aziendale dell’Asp catanese e la sua futura allocazione ad Acireale dove sono stati identificati i locali da ristrutturare per accogliere una disciplina che svolge un ruolo anche sociale di grande rilevanza e spicca per gli standard quali-quantitativi in tutto il Sud Italia.
Queste le rassicurazioni fornite da Gucciardi che, oltre a manifestare disponibilità al dialogo e al confronto, si è mostrato assai fiducioso sulla possibilità di raggiungere l’obiettivo del tanto atteso sblocco delle assunzioni. L’assessore alla fine ha chiosato affermando che “la politica il suo compito l’ha assolto e che adesso la palla è nelle mani dei manager”.
Insomma, per dirla in parole povere, spetta adesso ai direttori generali, nell’ambito dell’autonomia gestionale e decisionale che la Legge affida loro, di darsi una mossa e procedere con la massima celerità negli adempimenti burocratici e amministrativi che portino a concretizzare le linee di indirizzo fornite dall’Assessore.
Il segretario regionale Cimo, Riccardo Spampinato, ha accolto con prudente soddisfazione le dichiarazioni dell’assessore: “Troppe volte siamo stati ad un passo dal vedere realizzare le nostre pressanti richieste e troppe volte siamo rimasti delusi. Prendiamo atto della disponibilità dell’assessore Gucciardi e speriamo che la fiducia dallo stesso manifestata nel corso del colloquio possa veramente essere il preludio alla realizzazione delle sue buone intenzioni. Quello che più ci premeva era la definizione della questione delle eccedenze dichiarate al Papardo e almeno questo problema sembra sia già stato formalmente risolto. A questo punto attendiamo le previste convocazioni delle OO.SS. mediche per singolo bacino territoriale in modo da poter dare anche il nostro contributo ai previsti aggiustamenti agli atti aziendali e alle dotazioni organiche. Per il resto non ci resta che reiterare l’appello dei giorni scorsi, quello di sbloccare subito le assunzioni”.

Cimo Sicilia

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684