Amare il passato e condurlo nel futuro per conservare memorie e tradizioni - QdS

Amare il passato e condurlo nel futuro per conservare memorie e tradizioni

Redazione in collaborazione con Tomarchio

Amare il passato e condurlo nel futuro per conservare memorie e tradizioni

venerdì 22 Febbraio 2019 - 00:10
Amare il passato e condurlo nel futuro per conservare memorie e tradizioni

In un’era di cambiamenti, i legami con la storia continuano a essere forti

La tradizione spesso è intesa come un’ampia schiera di vecchie credenze, pratiche e usanze tramandate di generazione in generazione. Essa però coinvolge un gruppo di persone, quindi è collettiva e sociale per sua stessa natura.
Alcuni intendono la tradizione come ciò che viene trasmesso dal passato al presente. Gli oggetti materiali e le credenze, le immagini e le abitudini, le ricette e i prodotti alimentali, tutte cose che possono essere tramandate e hanno una tradizione proprio in questo stesso gesto di consegna alle generazioni future. In questo contesto, però, è indispensabile una continuità nel tempo, perché solo così la tradizione si distingue dalla semplice moda.
La tradizione è importante in ogni cultura o civiltà. E la gente, malgrado i tentativi della società moderna e postmoderna, mostra, un forte desiderio di recuperare i valori del passato. In un’era di cambiamenti, la continuità è qualcosa di cui la gente sente il bisogno e desidera. Eppure questa continuità con il passato non è immobile, ma si sviluppa gradualmente e continua a mutare.
È in questo modo che i “valori fondamentali” vengono stabiliti e tramandati di padre in figlio, di madre in figlia, proprio come il cognome o le proprietà, e diventano uno stile di vita virtuoso e duraturo. Sono i valori spirituali, morali e culturali depositati saldamente nella mente e nel cuore di un popolo, qualcosa di reale ma indefinibile, da vivere ed esperire. Ma possono anche essere rappresentati simbolicamente e così il simbolo diventa parte integrante della tradizione stessa, come accade in alcuni soggetti che incarnano il meglio, lo spirito, le tradizioni, di un popolo o di una comunità.
Bisogna dunque amare il passato, senza portarlo nel futuro come un peso. Ogni generazione deve prendere linfa dalle altre e trasmetterla a quelle che verranno dopo, sempre nel segno delle tradizioni, simbolo duranturo di cultura e identità.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684