45 minuti in Dad, non improvvisare - QdS

45 minuti in Dad, non improvvisare

Lucia Russo

45 minuti in Dad, non improvvisare

mercoledì 04 Novembre 2020 - 00:00
45 minuti in Dad, non improvvisare

Impegnarsi al massimo per rendere la lezione a distanza più proficua possibile

Rispetto alla rubrica del 21 ottobre scorso la situazione dei contagi si è aggravata e in diverse regioni d’Italia, inclusa la Sicilia, le scuole superiori sono state chiuse. È ripartita la didattica a distanza al 100 per cento, contrariamente a quanto da me auspicato. A livello nazionale il governo Conte, con il Dpcm del 24 ottobre, ha fissato la soglia minima della Dad al 75 per cento e pare che presto la porterà al cento per cento anche per le classi della Terza Media.

Molte le reazioni contrarie, tra cui quella del direttore dell’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia, Stefano Suraniti, il quale ha evidenziato, con un comunicato del 24 ottobre, il malcontento unanime emerso dal tavolo regionale dallo stesso convocato con la Consulta degli Studenti, i genitori rappresentati dal Forags, i dirigenti scolastici e le organizzazioni sindacali.
Già a luglio l’Ufficio scolastico regionale aveva comunicato all’assessorato regionale ai Trasporti il numero degli studenti pendolari per favorire gli interventi di competenza, ma nulla è stato fatto. Inoltre, considerato che a fine ottobre, su 700 mila alunni siciliani, ne risultavano 600 positivi al Covid, il direttore Suraniti ha sottolineato che la sospensione delle attività di presenza è dovuta solo a problemi nei trasporti. Scrive Suraniti: “In generale risulta essere incisa l’autonomia scolastica e la flessibilità organizzativa delle istituzioni scolastiche, che già alter-navano per il II grado attività in presenza e a distanza”.

A questo punto non rimane altro che impegnarsi al massimo per rendere la lezione a distanza più proficua possibile. Per fare questo il docente deve porsi i seguenti interrogativi: Come mantenere alta l’attenzione? Come coinvolgere gli studenti attivamente? Come aiutarli a autoregolare il loro apprendimento? Ora, più che mai, bando all’improvvisazione. La lezione per essere efficace deve essere programmata e preparata minuto per minuto, soprattutto tenuto conto che la durata minima è di 45 minuti.

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684