60.000 infermieri autonomi senza priorità ad essere vaccinati - QdS

60.000 infermieri autonomi senza priorità ad essere vaccinati

web-dr

60.000 infermieri autonomi senza priorità ad essere vaccinati

web-dr |
giovedì 07 Gennaio 2021 - 16:16
60.000 infermieri autonomi senza priorità ad essere vaccinati

A sottolinearlo è la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) in una lettera-appello al presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Mancano i vaccinatori e il problema sarà ancora più evidente con il previsto arrivo anche della fornitura di vaccini Moderna, che si affiancherà a Pfizer-Biontech.

“Ma ci sono circa 60mila infermieri liberi professionisti che hanno i requisiti richiesti dal bando del Commissario straordinario e che però, non essendo dipendenti, non hanno ricevuto alcuna priorità nell’essere vaccinati”.

A sottolinearlo è la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) in una lettera-appello al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ai ministeri della Salute e degli Affari regionali Roberto Speranza e Francesco Boccia.

In Italia ci sono circa 60.000 infermieri liberi-professionisti, laureati e spesso specializzati, regolarmente iscritti agli albi, “che possono partecipare ai bandi per reperire operatori per somministrare i vaccini, purché questo avvenga in sicurezza”, precisa la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli.

Tuttavia,”queste categorie di infermieri non sono spesso considerate in analogia con il personale sanitario dipendente e quindi non hanno alcuna priorità per la vaccinazione, pur essendo fortemente esposti, con loro le persone assistite, al virus e al relativo contagio”. La Fnopi, nella lettera inviata anche al Commissario Domenico Arcuri e al presidente delle Regioni Stefanio Bonaccini, chiede quindi che “al più presto questi professionisti siano considerati alla stregua dei loro colleghi dipendenti tra il personale da sottoporre al più presto e prioritariamente alla campagna di vaccinazione”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684